16 Aprile 2022

Dalla filosofia di Rodgers alle qualità di Maddison e Barnes: quello che c’è da sapere sul Leicester

leicester-romanews-roma-logo

ROMA LEICESTER – Il 28 Aprile alle 21:00 andrà in scena in Inghilterra il match di andata tra la ROMA di Mourinho e il Leicester di Brendan Rodgers. Per la terza volta in quattro anni i giallorossi affronteranno in semifinale di una competizione europea una compagine inglese.

Leggi anche:
Roma, quanto amore dai tifosi: quasi 20mila biglietti venduti in 24 ore

Analisi degli avversari

Questa volta gli avversari sono le Foxes capitanate dal figlio d’arte Kasper Schmeichel poiché il centravanti inglese Vardy è ancora alle prese con un infortunio che lo blocca da inizio marzo. Come evidenziato anche da La Repubblica, sarà soprattutto la sfida tra i due allenatori: Mourinho e Brendan Rodgers. Entrambi, infatti, si erano già affrontati nel 2014 per il titolo in Premier League, vinto poi dall’allenatore portoghese. La squadra che la Roma si troverà davanti, però, non è la stessa che vinse il campionato con Ranieri ma oggi presenta un progetto che prevede per la maggior acquisti onerosi e meno investimenti sui giovani. La rosa del Leicester è caratterizzata dalla qualità del fantasista Maddison combinata insieme ad altri giocatori, alcuni anche abbastanza costosi, come Ndidi, Tielemans, Fofana, Barnes. Dopo aver buttato fuori il PSV ai quarti, per raggiungere la finale le Foxes dovranno vedersela con la Roma di Mourinho in un match in cui entrambi gli allenatori partono alla pari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

4 commenti

  1. Cris ha detto:

    L’unica cosa certa è che negli ultimi anni siamo arrivati in semifinale 2 volte con Liverpool e Manchester ed in entrambi i casi abbiamo compromesso la qualificazione nella partita di andata in Inghilterra, speriano che stavolta non sia così, se vogliamo passare dobbiamo almeno pareggiare a Licester.

  2. NICOLA ha detto:

    Sempre un inglese in semifinale.
    La squadra deve essere concentrata e determinata soprattutto la prima partita in trasferta.
    Bisogna sfatare la maledizione degli inglesi.

  3. Nuwanda ha detto:

    È normale che sempre con un inglese… è il campionato migliore al mondo se vuoi vincere qualcosa prima o poi lo devi battere