DACOURT PASTORE ROMA – Oliver Dacourt, ex centrocampista giallorosso ed attuale collaboratore di Canal Plus, ai microfoni di Centro Suono Sport ha parlato delle ultime operazioni di mercato della Roma e non solo. Queste sono le sue dichiarazioni:

PASTORE “Se sta bene, Javier Pastore è un ottimo giocatore e può essere un colpo per la Roma. Negli ultimi anni ha avuto diversi problemi fisici, ma quando ha giocato ha dimostrato il suo valore: ha grandi qualità tecniche, è un ottimo calciatore, che impreziosisce le sue partite con colpi ad effetto. E’ stato forse il più amato dai tifosi parigini negli ultimi anni, perchè ha delle giocate fuori dal comune, nei primi anni ha avuto un rendimento fantastico, poi gli infortuni lo hanno frenato, viceversa sono convinto che si sarebbe imposto in maniera assoluta. Areola? Se non avesse qualità, per la giovane età che ha, non sarebbe il terzo portiere della Nazionale. E’ un ragazzo serio, non fa vita notturna, pensa solo al calcio, è un professionista esemplare, ha qualità importanti con ampi margini di miglioramento. Gonalons? Non ha fatto bene perchè ha patito un po’ il passaggio dalla Francia a Roma: lui è nato e cresciuto a Lione, l’ho visto meglio alla fine del campionato, si sta ambientando e sono sicuro che tra 8-9 mesi, se resterà, diventerà un calciatore importante per la Roma”.

DI FRANCESCO – “L’ho conosciuto quando fu team manager nella Roma, credo oltre al valore del calciatore o dell’allenatore, conta soprattutto l’aspetto umano: Eusebio è un grande uomo e questo per me è ancora più importante rispetto all’ottimo valore dell’allenatore. Non è un caso che la Roma abbia fatto un grande salto in Champions, perchè i giocatori lo stimano”.

MONDIALE – “La Francia ha delle concrete possibilità di vincere il Mondiale, ma ha delle partite difficili, a partire dall’Uruguay. L’aspetto che mi piace della formazione transalpina è che i tanti giovani importanti che abbiamo, non hanno paura. Mbappè? E’ fortissimo, ma ancora non è al livello dei fuoriclasse mondiali. Il paragone con Henry non gli fa bene, Mbappè ha delle doti incredibili, ha un’intelligenza incredibile, un’ottima famiglia alle spalle, bisogna lasciarlo lavorare senza troppe pressioni”.

Alcuni mesi fa Dacourt ha intervistato Daniele De Rossi a Trigoria, questo il pensiero sul capitano giallorosso: “Sono orgoglioso di aver giocato con Daniele De Rossi, l’ho visto salire dalla primavera alla prima squadra, poi mi ha superato, diventando anche campione del Mondo. Daniele ha una forza interiore incredibile, ha scelto di voler rimanere a Roma, con onestà ho sempre creduto che potesse fare grandissime cose anche altrove, invece lui ha scelto il suo amore, per vincere a Roma e per questo merita un rispetto incredibile. Ho intervistato Daniele di recente e ho percepito questo: lui vive per Roma e per la Roma, come Francesco (Totti ndr)”.