romanews-calcio-pallone-italia.jpg
Foto Getty

CORONAVIRUS SERIE A STIPENDI – L’emergenza Coronavirus rischia di creare grossi danni al calcio italiano. Per questo si sta discutendo molto ultimamente sul taglio degli stipendi dei giocatori. A tal proposito è intervenuto il vicepresidente dell’Associazione italiana calciatori Umberto Calcagno, che a Radio Rai Uno ha dichiarato: “Quella della Lega di Serie A non era una proposta, anche perché formalmente la Lega non può formularla, era un comunicato che nell’ultimo inciso ha spiegato bene che le contrattazioni vanno fatte a livello di singolo. Il comunicato tra l’altro è arrivato in un momento in cui le squadre stavano già ragionando coi propri calciatori. Rispetto a qualche giorno fa mi pare che stia prevalendo il buonsenso, ed i ragionamenti mi sembra che siano ricominciati senza dover fare operazioni muscolari che in questo momento non giovano a nessuno”.