19 Agosto 2021

Cordova: “Non facciamo paragoni tra il mio trasferimento e quello di Pedro, io sono stato un simbolo”

Foto Tedeschi

ROMA LAZIO PEDRO CORDOVA – Pedro è ad un passo dal lasciare la Roma per approdare alla Lazio di Maurizio Sarri. Non sono molti i calciatori ad aver passato direttamente il Tevere da una sponda all’altra. Uno scambio storico tra i giallorossi e i biancocelesti è stato sicuramente quello di Franco Cordova. Il centrocampista passò dalla Roma alla Lazio nel 1976 ed ha parlato di quello storico passaggio in un’intervista al Messaggero.

I ricordi dello storico scambio del 1976

“Centrocampista della Roma da dieci anni, capitano, tifoso. Ma fui costretto ad andare alla Lazio, sennò avrei dovuto smettere col calcio a 32 anni. Stavo sulle scatole al presidente, Gaetano Anzalone. Dal primo giorno. Perché ero il genero del suo predecessore, Alvaro Marchini: avevo sposato la figlia Simona, con tutti problemi che la cosa rappresentava ai tempi. Fu un rapporto impossibile fin dall’inizio. Ma io non ero uno qualsiasi, ero il capitano e leader della squadra, e fu una guerra. Addirittura all’inizio della stagione 1974-1975 rimasi fuori nelle prime sette partite, la Roma fece 4 punti, era quasi ultima. Mi fecero rientrare a viva forza per il derby, mi convinsi a giocare… Vincemmo il derby contro la Lazio campione d’Italia 1-0, gol di De Sisti. A fine anno arrivammo terzi.”

Le parole di Cordova sul passaggio di Pedro alla Lazio

“Lui è spagnolo, giocare nella Roma o nella Lazio è la stessa cosa, è un professionista, va dove pensa che gli diano più spazio, per lui è un problema relativo. Supererà ogni difficoltà, ammesso che ne avrà. Poi è stato solo un anno alla Roma, che vuoi che sia.”

Leggi anche:
Pedro ad un passo dalla Lazio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

4 commenti

  1. Tommaso ha detto:

    Grande Cordova, hai perfettamente ragione, Pedro è un professionista e se la Roma lo cede alla Lazio ed a lui sta bene va e sono sicuro che farà bene perché è un grande bel giocatore, a me dispiace, perché era uno di grande esperienza e metteva ordine in campo, e ha anche segnato un gol letto al derby cosa che non capita a tutti i giocatori passati a Roma per un anno. E La roma se lo cede alleggerisce il suo monte ingaggi tra Pedro Florenzi Juan Jesus , Edin, sono almeno 15 milioni di giocatori che sono in fase finale di carriera, per cui va dato merito del modo con cui hanno iniziato a ringiovanire la Roma.

  2. Dan ha detto:

    PEDRO NON VA CEDUTO ALLA DIRETTA CONCORRENTE … A COSTO DE FAJE FA ER GIARDINIERE A TRIGORIA …

    SE CON PEDRO I ZOZZONI RISCHIANO DE LOTTA’ PER LO SCUDETTO … SARA’ MEJO CHE L’AVIATORE E I DUE PORTOGHESI SPARISCONO DA ROMA …

    HANNO COSTRUITO L’ENNESIMA SQUADRA INCONCLUDENTE SENZA CENTROCAMPO E DIFESA E PENSANO SOLO A VENDE … FINIREMO SOTTO N’ARTRO ANNO …

    • emanuele ha detto:

      ammetto che mi hai fatto ridere, bravo.

    • giulio.cesare753 ha detto:

      eccone un altro, tu sei un pò meno divertente di quello che parlava di scudetto della lazio perchè hai allungato il brodo. Però anche tu puoi andare a Xfactor, zeligo o colorado, te prendono sicuro