CORDOVA HALL OF FAME ROMA – Franco “Ciccio” Cordova, ex giocatore della Roma, è intervenuto sulle frequenze di Centro Suono Sport, durante la trasmissione “Io sto con Centro Suono Sport”. Ecco uno stralcio delle sue dichiarazioni:

Perché hai segnato meno rispetto a quelle che erano le tue qualità?
«Io avevo un destro e un sinistro forte e preciso, arrivavo sempre al limite dell’area di rigore ma non tiravo quasi mai, preferivo fare assist per i miei compagni. Se avessi calciato tutte le volte che ero in quella zona del campo, sarei andato spesso in doppia cifra».

La scelta di passare alla Lazio?
«Io non faccio parte della Hall of Fame della Roma e per me questa è una vergogna. Non esiste al mondo, forse non mi hanno considerato perché poi sono andato alla Lazio, ma le storie sono tante. Dopo l’annata del terzo posto, ho proseguito con la Roma ma non siamo andati benissimo. Il presidente voleva vendermi e voleva mandarmi all’Hellas Verona. Litigai con il presidente perché io non volevo spostarmi da Roma per motivi familiari. Fui minacciato “se non vuoi andartene, smetterai di giocare”. Allora mi sono arrabbiato. Mi chiamò Vinicio, all’epoca allenatore della Lazio, e mi convinse a firmare per i biancocelesti».

Cosa pensi della Roma di oggi?
«Io sto con Pallotta. Tutti che aspettano il nuovo presidente, ma cosa pensano i tifosi che arriva e mette i soldi? Uno viene dall’America e pensa di venire qui a perdere i soldi? Pallotta è alla Roma da 10 anni, si è qualificato spesso in Champions League e qualche volta anche in Europa League».

I tifosi, però, vogliono vedere la Roma vincere qualcosa di concreto…
«Ma in Italia chi vince? A ciclo, vincono sempre le stesse che sono Juventus, Inter e Milan. La Roma ha fatto il record di punti per due volte, trovando una Juventus stratosferica che fece 102 punti, senza quella squadra la Roma avrebbe vinto 2-3 campionati».

Le differenze tra Roma e Lazio?
«La Lazio ha una gestione sana, Lotito gestisce il club come un’azienda, quando i giocatori hanno 32-33 anni li vende. La Roma, invece, è più sentimentale e vuole tenere i giocatori sempre. Se ragioniamo così, allora non parliamo di raggiungere risultati sportivi. Questo contrasto è equivoco nella testa della gente, Pallotta ha fatto quello che doveva fare, tenendo la Roma sempre ad alti livelli. Quindi, la gente, di cosa si lamenta? Il Torino sono anni che non vince nulla, la Fiorentina galleggia in campionato e la Roma è una squadra come queste».

4 Commenti

  1. forte era forte , ed il mio “primo” capitano da tifoso di 10 anni, ma basta quella storia della lazio per non essere nella Hall of fame…. onestamente …. parli pure bene de Lotito che arriva 10° per 12 anni su 14 ma de che stai a parla ?? …. stai bene fori dalla Hall of fame ….

  2. A Ciccio ma che dici? a parte che sei andato a giocare co quelli, anche se hai fatto un bel autogol a nostro favore al derby, ma come fai a dire che la Roma ha una gestione sentimentale e non vende i giocatori, vatti a rivedere le formazioni dei 10 anni della gestione Pallottiana e conta quanti ne sono stati sacrificati per far quadrare i conti

Comments are closed.