20 Luglio 2022

Contro lo Sporting la prima sconfitta: un test pieno di nervosismo e comportamenti al limite

Prima sconfitta stagionale per la Roma di Josè Mourinho. I giallorossi hanno perso 3-2 contro lo Sporting Lisbona in una partita molto nervosa

Prima sconfitta stagionale per la Roma di Josè Mourinho contro lo Sporting Lisbona. Ieri sera un match molto poco ‘amichevole’ e un 3-2 che ha mostrato alcuni limiti della formazione giallorossa che è in piena fase di preparazione. In tribuna anche Paulo Dybala in attesa dell’ufficialità.

Tanti momenti concitati in mezzo al campo

Sotto gli occhi del neoacquisto Paulo Dybala è arrivata la prima sconfitta della Roma. Come riporta La Gazzetta dello Sport, nel match contro lo Sporting si è visto un nervosismo dilagante. Un match molto simile a quello della scorsa stagione contro il Porto. Tante le situazioni al limite con i giallorossi che hanno reagito alle provocazioni e un po’ si è lasciata andare. La partita è stata molto spezzettata soprattutto nella ripresa con i portoghesi che l’hanno portata a casa al minuto 41 con il gol di Tabata. Ad inizio match super Rui Patricio molto fischiato. La Roma era sicuramente indietro di condizione e ha subito il terzetto di piccoli offensivi soprattutto sulla sinistra con la coppia Ibanez-Spinazzola. Da lì arrivato il rigore dell’1-0 con il pari dopo soli 2 minuti. Nella ripresa una corrida con tanti contatti e scaramucce prima del 3-2 finale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

3 commenti

  1. Olivieri ha detto:

    Inguardabili, speriamo siamo meglio di così. Troppi rumori di mercato, la squadra deve lavorare in pace sennò sò scoppole

  2. mongelli felice ha detto:

    Colpa anche dell’arbitro che non ha saputo tenere la partita nei giusti binari . E poi i giocatori avversari sembrava che cercassero solo lo scontro fisico .

  3. giovannib ha detto:

    Il risultato significa poco in un amichevole di Luglio e con gli avversari più avanti nella preparazione. Però si è rivisto che abbiamo una mina vagante che si chiama Ibanez e che parti con 5/6 punti di svantaggio con lui in difesa, un vero disastro. Si è anche notato abbastanza chiaramente che Celik non è un granchè purtroppo, è lampante che non è una cima come terzino e può andare bene solo per far rifiatare Karsdorp