CONFERENZA STAMPA SERGIO OLIVEIRA – Dopo la conferenza stampa del primo acquisto giallorosso in questa finestra di mercato, Ainsley Maitland-Niles, la Roma si prepara a presentare anche Sergio Oliveira. Il calciatore portoghese, sbarcato mercoledì nella Capitale in prestito dal Porto fino a giugno 2022, risponde alle ore 14 alle domande dei giornalisti. Il centrocampista, per cui il club ha un diritto di riscatto, ha scelto di vestire la maglia numero 27.

Leggi anche:
La conferenza stampa di presentazione di Maitland-Niles

Da Trigoria
Giacomo Emanuele Di Giulio

Roma, la conferenza stampa di presentazione di Sergio Oliveira

Le parole di Tiago Pinto: “Oggi siamo qui per presentare Sergio. La vita è così, ci sono tanti cambiamenti: due anni fa nessuno di noi poteva pensare che saremmo stati qui insieme, visto che siamo stati tante volte contro. Siamo felici che lui sia qua, il mercato di gennaio non è semplice e c’è bisogno di giocatori che possano dare una risposta subito. Sergio ha una statura internazionale che conoscete, sono contento di aver portato un centrocampista buono e con tanta voglia di venire a Roma. Alla fine del mercato parleremo di tutto”.

Mangiante, Sky Sport: ti senti pronto a 29 anni ad aiutare questa squadra e a portare una mentalità vincente?
“Rispondo in portoghese, ma l’italiano lo imparerò. E’ vero ho 29 anni e ho già dimostrato il mio valore nel calcio. Arrivo in un età matura in cui sento la responsabilità di aiutare la Roma. Voglio fare del mio meglio per aiutare il club dentro e fuori dal campo. La Roma ha grandi calciatori, io mi sento uno in più con il compito di aiutare e tutti insieme crescere per raggiungere gli obiettivi che questo club merita”.

Sei anche molto freddo dal dischetto, quest’anno la Roma lì ha sbagliato un po’ troppo…
“Sì è vero calcio spesso i calci piazzati, ma questa decisione spetta al mister. La Roma ha giocatori di grandi qualità, come Veretout e Pellegrini, poi tutti possono sbagliare. Prendere la palla e calciare un rigore è una grande responsabilità”.

Corsport: cosa non ha funzionato in questa prima parte di stagione con il Porto che ti ha fatto scegliere la Roma in prestito?
“Sono un calciatore a cui piacciono le sfide. Sono molto grato al Porto per avermi fatto arrivare a questo livello e fatto crescere molto. Dopo 5 anni insieme avevo voglia di una nuova esperienza e sfida, pertanto non ho paura di arrivare a Roma in prestito. Sono qui per dimostrare il mio valore per poter restare qui più a lungo, il modo migliore è dimostrarlo vincendo le partite”.

Vuoi anche tornare in Nazionale? Un parere sul Portogallo che può essere l’avversario agli spareggi dell’Italia ?
“Il mio obiettivo è quello di tornare in nazionale, il selezionatore lo sa. Il Portogallo deve vincere la prima partita a tutte le carte in regola per giocare il mondiale”.

Il Messaggero: dove pensi di esprimerti meglio in campo?
“La mia posizione preferita ideale in un centrocampo a tre è da numero 8 e in un centrocampo a 2 è più arretrato. Gioco dove vuole il mister e posso mettere le mie qualità a disposizione della squadra”.

Come ti spieghi questa tua esplosione così tardiva , visto che ti sei ritrovato in diverse squadre in prestito?
“È normale non tutti sono Mbappé che sono campioni del mondo a 20 anni. È stata una crescita graduale con delle difficoltà, ma ho imparato moltissimo e oggi mi sentro una persona e un calciatore completo. Non cambierei nulla, perché altrimenti non sarei quello che sono adesso”.

Che idea ti sei fatto della Roma? A che traguardi può ambire?
“L’amichevole di questa estate è stata una partita di prestagione, di solito quelle partite servono per migliorare il livello atletico. È stata una partita un po’ più dura delle solite amichevoli. Ho seguito la Roma per Pinto e Mourinho, ho stretto un rapporto con Pellegrini. La Roma può raggiungere grandi obiettivi, ma bisogna concentrarsi una partita alla volta, a partire da domenica, senza avere troppe pressioni esterne”.

Perché hai scelto il 27 come numero?
“E’ il mio numero da molto tempo, mi trovo a mio agio”.

Cosa ti ha colpito di questi giorni a Trigoria?
“La qualità della squadra. E’ un posto dove si lavora bene e le infrastrutture sono eccellenti. Abbiamo cominciato a lavorare, ma già seguivo la Roma. Vedendola da fuori un calciatore capisce quali sono i movimenti da fare in campo. Con il passare del tempo mi sentirò sempre più mio agio.”

8 Commenti

  1. veramente un ottimo arrivo considerando le poche alternative che offre il nostro centrocampo.
    Peccato non avere più lo stadio pieno per fargli sentire il calore dei veri tifosi della Roma, quelli che vanno allo stadio e non i pipparoli mentali social che questo sito ospita in abbondanza.
    Daje Sergio ben arrivato. !!!
    FORZA ROMA SEMPRE !!!

  2. Sui rigori meglio che li batti subito tu, siamo agri di vedere rigorini tirati in modo fiacco, rasoterra e lento, con la speranza di riuscire a spiazzare il portiere, è ora che arrivi uno che tiri legnate, basta con quei saltelli e mezze finte, di Perotti ne è esistito solo uno, non c’è niente di peggio che perdere punti per un rigore sbagliato. Devo dire che anche perdere partite per le c…..e criminali di Ibanez e Mancini è irritante pure quello

  3. Questa cosa e’ anche vera ma mi da un po’ fastidio .. i nuovi acquisti, nelle interviste iniziali, dichiarano che sono qui perche’ hanno personalita’ e per trascinare i giocatori della Roma ad averne anche loro .. in altre parole oramai e’ risaputo nel Mondo che i giocatori della Roma sono senza personalita’ .. dai .. non e’ possibile .. qualcuno o molti, tra i divulgatori delle informazioni, hanno sbagliato molto o anche troppo ..

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here