La MOVIOLA a cura di Romanews.eu – Primi minuti di gara che mettono in mostra una Roma in forma, che fa girar bene il pallone. Una gara corretta, con un paio di falli al limite, ma Irrati opta da subito per una direzione molto scorrevole. Attorno al 20accenno di scintille tra Iturbe e Glik, pronto Irrati a placare gli animi dei due. Il primo giallo del match c’è alla mezz’ora di gara ed è per Giuseppe Vives, che da dietro arpiona Iturbe sul piede destro d’appoggio. Un cartellino più che meritato. Al 37giallo anche per Iturbe, che dà una spallata a Maksimovic in zona difensiva granata: ammonizione un po’ al limite, è un fallo tattico ma la zona era del tutto innocua dal momento che il difensore granata stava solo uscendo da una situazione districata. Decisione che ci può però stare. Non ci sono grandi spunti fino al termine del primo tempo, che va a referto senza recupero.  

IL SECONDO TEMPO – Al 2‘ arriva subito l’ammonizione per Maksimovic, che perde palla in una zona pericolosissima e poi è costretto a commettere fallo in scivolata. Cartellino abbastanza netto. Al 9′ protesta Martinez per un suo fallo in attacco fischiato ai danni di Astori: un fallo che sembra esserci, poi il venezuelano si lascia in un applauso che poteva costargli il cartellino. Al 56‘ arriva la possibile svolta del match con il calcio di rigore assegnato alla Roma. Contatto in area tra Moretti e De Rossi, Irrati fischia e chiede aiuto al giudice di porta Mazzoleni, che non ha dubbi. Rivedendo le immagini si vede chiaramente che De Rossi cerca il contatto trascinando il piede verso quello dell’avversario. In ogni caso il contatto c’è e questo è un dato di fatto, di certo non è simulazione. E’ un penalty che può starci, ma non sarebbe stato affatto un delitto non assegnarlo. Nell’occasione vengono ammoniti Moretti, davvero infuriato, e De Rossi, che era diffidato e salterà l’Atalanta.

ANCORA POLEMICHE – Pochi minuti e il Toro trova la rete del pari con un’altra azione contestata. Il frangente imputato è quello del cross in mezzo di Bruno Peres, che avviene quando il pallone sembra proprio aver superato del tutto la linea di fondo. Poi qualsiasi forma di dubbio potrebbe chiaramente essere fugata dalla tecnologia. Poi Maxi Lopez anticipa tutti e insacca l’1-1 tra le polemiche. Al 69′ rete annullata a Ljajic per la posizione netta di fuorigioco. Altrettanto corretto il giallo per El Kaddouri pochi secondi più tardi. Stessa sorte per Gazzi, che spinge da tergo Ibarbo lanciato verso la porta. La Roma spinge e trova davvero tantissime occasioni, la fortuna però non è giallorossa quest’oggi. Al 93′ arriva il giallo anche per Manolas, che stende Maxi Lopez.

IL VOTO – Per Irrati un match dai due volti, con un primo tempo decisamente scorrevole e tranquillo da controllare. Poi nel secondo tempo le occasioni intricate, a cominciare dal rigore per la Roma. Come già detto, un penalty che ci può stare ma che qualche dubbio forse lo lascia. Idem per quanto riguarda la rete del Toro, che però è con ogni probabilità irregolare dal momento che la sfera calciata da Bruno Peres era uscita. In entrambe le occasioni protagonista il giudice di porta, che prima decreta il rigore giallorosso, poi giudica non del tutto out la sfera sul gol granata. Corrette tutte le ammonizioni e la gestione della gara. Alla fine per Irrati è un 6 che però è inevitabilmente soggetto ai dubbi. 

Federico Prosperi