RASSEGNA STAMPA – L’approccio scientifico alla preparazione introdotto da Darcy Norman ha modificato, scrive Il Tempo (E. Menghi), i metodi di lavoro e trasformato in percentuali le prestazioni dei singoli. L’utilizzo costante della pettorina con il GPS durante le sedute a Trigoria permette di sapere chi si è allenato meglio di volta in volta. Oggi si riprende con una doppia senza Manolas, Gyomber, Gervinho, Salah e Szczesny, mercoledì scarico.

3 Commenti

    • Quello non dipendeva solo dalla preparazione infatti Radja e Florenzi correvano sempre pero’ dipende dai movimenti…. se hai esterniche sfruttano la fascia corrono meglio anche gli altri . Se imbottisci la squadra di fantasisti che vogliono la palla sul piede sembra che camminano tutti. Per questo anche lo scorso anno passaggi laterali e si guardavano in faccia. Con il capitano a maggior ragione visto che lui lancia ma non ti da profondita’. Devi creare l’alchimia tra giocatori

      • Completamente d’accordo. Ci vuole gente che detti il passaggio, che aggredisca gli spazi, specie sulle fasce. Anche un giocatore “statico”, come lo è purtroppo Totti a 39 anni, può risultare utile lanciando chi…si fa lanciare.
        Speriamo che Digne confermi quello che si è visto contro la Rube e Florenzi migliori in quel ruolo.
        Certo, se lì avessimo un Maicon integro..ma ce credo poco.
        Domenica mi aspetto barricate, che su campi piccoli diventano difficili da perforare. E’ con le provinciali che si vincono i campionati.

Comments are closed.