Foto Tedeschi

ROMA CIERVO SASSUOLO – Tiago Pinto ha messo a segno diverse cessioni in questa sessione di mercato. Da Mayoral a Villar passando per Calafiori e, forse, anche Fazio. Ce n’è però un’altra, confermata ieri dai diretti interessati. L’ad del Sassuolo ha infatti anticipato che a breve Riccardo Ciervo svolgerà le visite mediche.

Leggi anche:
Roma-Fazio, si va verso la risoluzione del contratto

Le ragioni

Il giovane giallorosso, che si è affacciato in prima squadra, ha catturato l’occhio dei tifosi della Roma per potenzialità e rapidità, sottolinea il Corriere dello Sport, e la sua cessione ha destato interrogativi tra i fans capitolini. Questa scelta non risponde a necessità, ma rientra in una strategia. Non si tratta dei 2 milioni che entreranno a giugno, ma la ragione è un’altra. I Friedkin puntano a ricalcare la scelta fatta con Davide Frattesi, venduto ai neroverdi e oggi richiestissimo sul mercato. Per Ciervo, l’idea riscatto e controriscatto non avrebbe funzionato, perchè nessun club avrebbe accettato questa soluzione, senza inserire una clausola di riacquisto molto alta. Per questo la squadra di Trigoria ha scelto di vendere il calciatore conservando una percentuale sulla futura rivendita, così articolata: il 25 per cento se la cifra sarà contenuta entro i 10 milioni; il 20 per cento se si andrà oltre. In pratica la Roma diventa ‘socia’ di minoranza del cartellino.

21 Commenti

    • Ed il Sassuolo l’ha preso perché è stupido, e fra qualche anno lo venderà ad una società ancora più stupida..
      Solo la roma è intelligente…
      Vabbeh

  1. CIERVO un operazione sbagliata la Roma socio di minoranza del giocatore! Che poi finisce come Frattesi si vanno a rinforzare le altre squadre che volponi che sono!!

    • GIA’ SICURO CHE E’ UN CAMPIONE????? COME TUTTI QUELLI CHE GIOCANO NELLA PRIMAVERA. LE RICORDO CHE GLI ULTIMI DUE CAMPIONI SONO STATI UN CERTO TOTTI E DE ROSSI QUANTI ANNI FA?

    • ma lo avete visto giocare Ciervo alla Samp…
      buono per la primavera.
      bove e’ altra cosa…
      felix pure.
      non ti puoi tenere tutte queste figure medio basse e poi chiedere lo scudetto…
      Verdi, Verre, Frattesi, caprari, Ricci x 2, riccardi eddaje…okaka,
      ci lamentiamo con veretout e cristante, che sono due nazionali…
      di di ba e totti ne esce uno ogni trent’anni…

  2. Non e` una scusante. Non si vende un possibile bravo giocatore (viste le lacune che ci sono in difesa), solo per avere una percentuale a una futura rivendita. E` una cog**onata pazzesca, peggio della corazzata Potemkin di non lontana memoria fantozziana.

  3. Ciervo cessione sbagliata, era giusto mandarlo via in prestito. Se il Sassuolo lo vendesse a 30 milioni, la Roma ci guadagnerebbe 6 milioni più quelli che incassa ora. Sono sempre pochi, perché se si rivelasse forte, la Roma perderebbe un giocatore per il futuro. Poi lo vedremo a Inter, Milan o Atalanta. Se non è pronto ora, non è detto che non lo sia fra 2 anni. Lo mandavi in prestito in Italia o all’estero, in squadre dove avrebbe giocato titolare. Faceva esperienza.

    • li rivendi a inter, milan o atalanta e poi fa la fine di balotelli, un fenomeno, che non vuole manco il monza…..

      Per 1 buone che esce fuori e rimpiangi ne hai ammollati 20, state sempre a piagne.

      Secondo voi la Roma ce dovrebbe avè na rosa de 3049 giocatori dato che ogni anno ne escono 10-15 dalla primavera… e che fai li vendi? E se poi diventano campioni? 😀

  4. Di campioni no, ma di giovani interessanti nella primavera ce ne sono almeno un paio ogni anno; non è fisicamente possibile trattenerli tutti, ormai credo sia anche questione di regolamenti -se ricordo bene un articolo recente sui prestiti- ma se anche così non fosse ti ritroveresti in poco tempo con una rosa di decine di giocatori, di cui solo 15-16-17 “da prima squadra”, ed è evidente che non sia possibile.

  5. quindi mi state dicendo che è meglio avere il 20% di una futura rivendita del giocatore che avere l’intero giocatore in squadra? ovviamente qualora si dimostrasse forte. Quindi si preferisce avere il 20% e spendere una cifra alta per prendere un giocatore dello stesso livello di quello che avresti avuto in squadra? Mi spiegate perchè nessuno avrebbe accettato un prestito? La juve a giocatori in prestito in giro per le squadre di mezza italia!!

    • facciamo così, tu fondi una società di calcio, la porti in serie B, la Roma ti passa TUTTI i suoi primavera, tu li fai crescere e poi dei 2-300 giocatori della primavera che ti passiamo rivendi l’unico che poi alla fine se rivela “un campione” alla Roma.

      Così siamo tutti contenti 😀 Tu ti accolli i costi di crescita e di chi non diventeranno mai campioni e noi se prendemo l’unico buono del mazzo a poco

  6. Scusate ma questa esplosione di Ciervo, a parte nella fantasia di molti commentatori, quando si sarebbe verificata ?
    Qual’è precisamente la partita che vi ha fatto innamorare di questo giocatore ?

  7. ….nella vita bisogna fare delle scelte. Frattesi e’ uno a fronte di 100 calciatori sfornati che non sono diventati ottimi calciatori ma solo buoni o sufficienti. Se hanno deciso cosi magari avranno qualche le loro ragioni. Tutti commercialisti e tecnici…..

  8. Se frattesi va all’Inter voglio vedere quante partite farà. Così come scamacca. Mi sanno più di bertolacci e romagnoli che futuri fenomeni…

  9. Ma è possibile che non va mai bene nulla ? La Roma a , a prescindere da qualsiasi cosa , deve vendere , fare cassa in tutti i modi possibili e rinforzarsi . Quando c’era Pallotta prima che finisse la stagione si vendevano i giocatori forti e tutti compreso me ad avvelenarci il sangue . Ora che apparentemente la politica sta cambiando con introiti immediati e futuribili che concedono alla società di rinforzare la squadra e comunque ringiovanirla , ci lamentiamo se parte un primavera potenzialmente forte solo perché Frattesi sta facendo bene al Sassuolo . Io credo che un minimo di scommessa si debba fare e che non si può pretendere un 100% di affaroni in tutti i mercati , vi ricordò che in occasione dell’attuale capitano , sia per qualità ma anche per volontà del giocatore a alla Magica c’è tornato . Ergo auguro anche a Ciervo di giocare il più possibile e di crescere e se proprio deve essere di rivederlo in giallorosso quando maturato ed affermato . Sempre forza la Magica Roma ora più che mai visto che dopo 20 anni abbiamo un allenatore vincente ed appassionato .

  10. Abbiamo già visto negli anni che la strategia dei prestiti non funziona perchè alle piccole ormai se non dai qualcosa non li fanno giocare e quindi perdono solo anni calcistici importanti. Se inserisci i controriscatti giocano al rialzo. Il progetto delle squadre B è naufragato miseramente. Questa della percentuale può essere una strategia fermo restando che molti giocatori non esplodono o lo fanno dopo diverso tempo e nel frattempo devi pagargli lo stipendio. Frattesi e Marchizza vennero ceduti insieme ma solo uno ha sfondato, che poi non c’è alcuna certezza sulla continuità di rendimento in una squadra di alta classifica. Ciervo SEMBRA bravo ma nessuno sa predire il futuro. Vedi Riccardi, ad esempio.

  11. Un errore ciclopico.

    Ciervo sono pronto a scommettere che andrà in nazionale.

    È velocissimo e determinato su ogni pallone, deve migliorare nella tecnica ma lo farà senz’altro.

    Cosa lavorano a fare per anni Alberto De Rossi, il settore giovanile, se poi regaliamo un prospetto di questo genere per due spicci?

    Al Sassuolo come Politano, Frattesi, Scamacca…il problema è che Pinto non conosce la nostra storia, il nostro settore giovanile, il calcio italiano e il Sassuolo, è solo;

    e non guarda nemmeno le partite della Roma perché Ciervo, purtroppo, ci è costato due punti con la maglia della Samp, entrato sull’1-0 per noi con lui in campo la Samp ha creato con le sue giocate le uniche palle gol della partita nel finale arrivando al pareggio.

    No, un errore colossale, senza nessun vantaggio, comunque andrà il ragazzo, ma vedrete, ce lo rimpiangeremo come gli altri che sono poi andati all’Inter e in nazionale, mentre noi abbiamo – strapagati – Cristante Veretout Diawara e Carles Perez e compagnia.

Comments are closed.