20 Novembre 2022

Chechi: “Mourinho? Per lui parlano i risultati. Bruno Conti mi ha insegnato a palleggiare”

L'ex atleta Jury Chechi ha rilasciato alcune dichiarazioni su José Mourinho e non solo

Foto Tedeschi

In occasione di un evento organizzato insieme a Bruno Conti presso Fermo, l’ex atleta Jury Chechi, brand ambassador di Prestito24, ha rilasciato alcune dichiarazioni su José Mourinho. Oltre a ciò, il “Signore degli anelli” si è anche soffermato su altri aspetti del mondo del calcio. Ecco le sue parole riportate dal Corriere della Sera.

Che rapporto ha con il calcio?

Mi piace, seguo principalmente le competizioni della Nazionale ma non ho una squadra del cuore. Lo so che in Italia sembra una cosa difficile da credere.

È vero che Bruno Conti le ha insegnato a palleggiare?

Bruno è un grande amico e tra le tante qualità che ha, c’è anche questa. Io con la palla non sono un granché, soprattutto con i piedi, ma mi ha insegnato a palleggiare usando addirittura una pallina da tennis, nemmeno un pallone. Ora riesco a fare cinque o sei palleggi.

Durante le sue lezioni, lei racconta di come sia stato padrone di andare avanti nella sua carriera anche dopo che un medico le aveva detto che sarebbe stato impossibile allenarsi. Nel calcio non è così, mi viene in mente Francesco Totti, che è stato “costretto” a smettere contro la sua volontà.

Credo che per un grande atleta sia importantissimo ritirarsi al momento giusto. Non so se Francesco l’abbia fatto, ma sicuramente è successo nel momento in cui le situazioni intorno e dentro di lui si erano messe in modo da fare dire basta. Magari il modo poteva essere diverso.

Lui, però, sarebbe andato avanti ancora…

Credo che la sua sia stata una carriera tra le più belle e incredibili fra tutti i calciatori italiani: deve ricordarsi che sarà sempre un’icona, uno dei più forti calciatori che l’Italia abbia visto.

Cosa pensa di José Mourinho? I suoi modi da sergente di ferro stanno facendo discutere e dividono in “pro” e “contro”

Non so se il suo sia un approccio giusto, ma un allenatore va valutato dai risultati e lui li ottiene. Anche se in carriera ha avuto qualche fallimento, sono molte di più le cose che ha azzeccato rispetto a quelle che ha sbagliato. Penso che sia un allenatore che sa fare bene il suo mestiere: i risultati dicono questo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.