25 Maggio 2022

Ceferin: “Roma squadra da Champions. Quando Mourinho vide un trofeo mi fece segno che l’avrebbe vinta”

CEFERIN EUROPEO – Il presidente della Uefa Aleksander Ceferin è intervenuto ai microfoni di Sky Sport e tra gli argomenti trattati anche la Roma di Mourinho e la finale di Tirana e il futuro dei club italiani. Ma anche l’eventualità di far ospitare all’Italia gli Europei del 2032. Queste le sue parole:

Leggi anche:
Mourinho: “Stasera nessun favorito. E sulla formazione vi dico che…”

La Roma e Mourinho

Siete soddisfatti della prima edizione della Conference League? Ha centrato gli obiettivi per cui è nata?
Sono super super soddisfatto della Conference League. All’inizio cerano tanti cosiddetti “esperti” di calcio che dicevano che sarebbe stata una competizione non importante. Adesso in finale sono arrivate due squadre che possono giocare facilmente in Champions League. La Conference è un torneo molto difficile. Non vedo l’ora di godermi la finale, anche se qualcuno dice che lo stadio che la ospiterà è troppo piccolo. Ma meglio che ci siano stadi piccoli ma pieni di tifosi realmente interessati piuttosto che avere grandi stadi vuoti. Per questo sono molto contento di questa competizione e ritengo che sia stata una buona idea partire con questa nuova coppa”.

Nel giugno 2017 une delle sue prime premiazioni la finale di Europa League a Stoccolma in cui mise al collo di Mourinho, la medaglia. A Tirana avrà un’altra occasione. “
Mourinho è una figura interessante. Abbiamo un rapporto molto buono. E ricordo bene quando in quell’occasione gli ho indicato il trofeo, lui mi mostrò la mano con tre dita. E ha continuato a mostrarmela mentre mi veniva incontro. Allora gli ho chiesto cosa intendesse con quel gesto. E lui: “Ho ricevuto un trofeo Uefa da tre diversi presidenti: Johansson, Platini e Ceferin. Sono l’unico”. Lui è una bella persona, sono sicuro che stia guardando avanti, concentrato sulla finale, e metterà tutta la sua energia per provare a essere il primo allenatore a vincere la Conference League. Perché ad ogni modo sarà una finale storica per entrambe le squadre. Perché il club che vincerà sarà il primo della storia a vincere questo trofeo”.

Una squadra italiana torna in finale. La Roma in Conference League. In Europa League, l’Inter ci arrivò due anni fa con Conte nell’anno della pandemia. In Champions League, per l’Italia sembra invece tutto molto più complicato. “Sono sicuro che le squadre italiane abbiano tutto per arrivare a giocarsi una finale di Champions League, forse quest’anno sono state un po’ sfortunate, specialmente l’Inter che ha una squadra davvero buona. Anche il Milan è una squadra forte. Abbiamo visto la Roma che adesso è concentrata sulla finale di Conference League. Quindi si, è assolutamente possibile che una squadra italiana sia protagonista anche in Champions”.

Euro2032 in Italia

“Ho parlato molto con Gabriele (Gravina, ndr)  riguardo a questo tema. Penso che l’Italia sia una nazione che vive di calcio e respira calcio. E questa non è una dichiarazione diplomatica, ma lo dico perché lo vedo ogni giorno. Il problema per l’Italia è che la situazione a livello di infrastrutture è… come posso dire… abbastanza terribile per un paese di calcio di questo livello. Sarebbe importante garantire un implemento delle risorse per permettere all’Italia di migliorare… Se non arriverà un aiuto dal governo italiano, garantendo che nuove infrastrutture vangano costruite, potrebbe essere un problema”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.