CASO GAVILLUCCI CORTE FEDERALE – Gavillucci, dismesso a giugno per ragioni tecniche, potrà ricominciare ad arbitrare grazie alla pronuncia della Corte Federale in merito al ricorso presentato dallo stesso arbitro di Latina.

LA SVOLTA – La pronuncia della Corte, secondo quanto viene riferito da Il Messaggero, introduce un elemento nuovo: la connotazione pubblicistica dell’AIA e con essa il dovere a rispettare la legge sulla trasparenza negli atti amministrativi. “La nostra battaglia – commenta Gianluca Ciotti, l’avvocato difensore di Gavillucci – “L’avevamo in parte già vinta nel momento in cui, in questa stagione, per la prima volta in assoluto, gli arbitri hanno ricevuto copia dei referti con i voti, avendo così una idea della loro valutazione”.

2 Commenti

  1. Adesso chiedo che venga dismesso chi ha voluto la dismissione di Gavillucci. Spero di leggere altre richieste in appoggio a questa. Via i disonesti dagli organi federali e pubblici!!

Comments are closed.