SENTI-CHI-PARLA-3.jpg-radio

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Maurizio Costanzo a Radio Radio Pomeriggio: “Sono lieto di annunciare ai tifosi della Roma che avranno presto uno stadio. E’ importantissimo che una squadra come la Roma abbia uno stadio di proprietà, perchè io credo che il successo di una squadra è costruito anche dalla tifoseria. La prima cosa che ho fatto è incontrare le radio. Anche vincere è importante, e io ho una gran fiducia in Mourinho. Da tempo vado dicendo che vorrei una partita ‘vecchie glorie’-‘giovani glorie’, io vorrei riviverle, ma non decido io, io propongo. Si deve comunicare senza gridare, comunicare ai diretti interessati. Chi fa comunicazione in una squadra di calcio deve occuparsi della tifoseria. La cosa importante è il rapporto con la tifoseria, abbiamo visto quanto una tifoseria scontenta possa essere negativa. Posso  anticipare che la prima settimana di novembre il ‘Costanzo show’ farà 40 anni, quando fece 20 anni venne tutta la Roma con Capello, spero di poter fare lo stesso con la Roma di Mourinho, e nelle prime file giornalisti e radio. Io ritengo importanti le radio per le squadre di calcio e per le tifoserie.”

Luigi Ferrajolo a Radio Radio Pomeriggio: “Ha sbagliato forse a non uscire, ma non conosce i compagni, erano passati 4 minuti, bisogna dargli un po’ di tempo. Penso che queste amichevoli dicono poco, e dicono ancora di meno se pensiamo che Mourinho ha mischiato le carte. Io però ho visto certi cambiamenti, soprattutto rispetto alla partita precedente. Mou non farà vedere un calcio spettacolare, ma ha cambiato le caratteristiche della squadra sotto il profilo di cattiveria e pressing offensivo. Ho visto la Roma più aggressiva. Sarà una Roma meno bella ma più concreta e tosta. Zalewski ha fatto vedere ottime cose, Zaniolo mi è parso più sciolto, non mi sembra avesse paura dei contrasti, oltre ad aver fatto un bel gol.”

Furio Focolari a Radio Radio Pomeriggio: “Non si è presentato benissimo ieri Rui Patricio, ma è un’amichevole, è appena arrivato. Diamogli tempo. Bisogna avere pazienza in generale”

Alessandro Vocalelli a Radio Radio Pomeriggio: “Non è in discussione che Rui Patricio sia un buon portiere, ha bisogno di tempo. Mourinho ha personalità, ispira tutti a metterci più concentrazione. Non hanno significato le partite di agosto, non dobbiamo sollevare dubbi su chi fa un errore o lasciarsi convincere da qualche gol in più. La Roma ha necessità di migliorarsi davanti. Mi auguro che arrivi un rinforzo”

Gianluca Lengua a Radio Radio Pomeriggio: “Nel ritiro in Portogallo sono previsti esercizi di Team building, camere single tranne che per i giovani. Ci saranno 4 amichevoli, con Porto, Siviglia e Betis e una quarta da definire. La Roma si è portata anche lo chef da Trigoria. LA Roma dovrebbe fare in più qualcosa sul mercato. Davanti non ci sono certezze, Dzeko è reduce da una stagione da 6 gol, Mkhitaryan è sparito mezza stagione, Zaniolo ha fatto un bel gol, ma cosa può garantire? Si può lavorare sul centravanti, qualcosa bisogna fare. Xhaka non è ancora chiuso, dopo un mese e mezzo”

Antonio Felici a Centro Suono Sport: “Dzeko è il ‘punto fermo della squadra degli ultimi anni, anche se è in parte contestato da quando è arrivato. Il fatto che sia pronto a fare cose concrete ancora, mi conforta. Adesso so che lui è lì davanti e questo mi conforta. L’ombra è la fase difensiva, Mourinho ha dovuto richiamare tutti all’ordine. C’è da lavorare. Dopo l’amichevole precedente ho sentito un sacco di giocatori dire che Mourinho vuole vincere anche le amichevoli, a qualcuno può sembrare esagerato ma alla Roma questo serve. Abbiamo maturato una nonchalance ad accettare le sconfitte che è inaccettabile. Avere un tecnico che pretende di vincere ance le amichevoli fa bene alla Roma”

Francesco Balzani a Centro Suono Sport: “La luce maggiore è Zaniolo, l’immagine che ci dà non solo sul gol ma anche sul recupero psicologico. Non avevo dubbi su questo, lui è uno tosto. La doppia seduta sembra una novità, ma lo fanno tutte le squadre, l’ombra resta la fase difensiva. Mourinho come mentalità non lo dobbiamo presentare. Rivedere un allenatore che si arrabbia è una bella cosa, spero gli arrivino i rinforzi che ha chiesto. Xhaka è troppo tempo che lo aspetta, Viña non ci sarà in ritiro. Bisogna vedere come sta Smalling. Il capitano secondo me resta Pellegrini, ma Mourinho non l’avrebbe mai tolta a Dzeko. Ormai è Pellegrini il capitano, e speriamo anche in futuro, vorrebbe dire che resta. Io spero che la Roma possa comprare un terzino destro”

Furio Focolari a Radio Radio Mattino: “Ho visto la partita. Mi è piaciuto il siparietto di Mourinho con Darboe nel primo tempo. Ho visto i gol di Dzeko anche grazie al portiere ballerino. Se la Roma deve dibattere l’argomento Dzeko solo perché ha un contratto troppo alto per cercare un centravanti improbabile io credo che non ci siamo. Spero che non succeda per la Roma.”

Roberto Pruzzo a Radio Radio Mattino: “Io non capisco cosa vogliono i giocatori. Dzeko ha un contratto di un anno e dovrebbe rispettarlo. Io punterei su un difensore ma sembra che il problema attaccante per la Roma non sembra risolto. Con l’arrivo di Xhaka si verticalizzerà molto di più. Sarà una Roma cattiva e compatta, mi sembra che davanti e in mezzo ci siano buone sensazioni”.

Stefano Agresti a Radio Radio Mattino: “Fondamentale capire cosa succederà a Dzeko. Ieri ha detto che non vuole sentire parlare della sua partenza ma credo che la Roma sarebbe pronta a liberarsene per motivi di età e di ingaggio. Per i giallorossi non è facile sostenere economicamente il bosniaco. Secondo me la trattativa per Azmoun è molto seria”

Stefano Carina a Radio Radio Mattino: “Importante che l’attacco ha iniziato a segnare. Mercoledì con il Porto vedremo sicuramente qualcosa in più anche per la forza degli avversari. Tre gol in fotocopia per i giallorossi che hanno già capito alcuni dettami di Mourinho. Il colpo me lo aspetto in avanti.”

Nando Orsi a Radio Radio Mattino: “La fase difensiva ricalca quella dello scorso anno. In avanti i movimenti devono essere acquisiti un po’ per volta. Secondo me la Roma deve lavorare molto sulla fase difensiva, ho visto gli stessi errori dello scorso anno. Con Xhaka la squadra migliora molto.”

Mario Mattioli a Radio Radio Mattino: “La difesa dipende molto da Mancini e Smalling, se questo verrà risolto, la Roma può fare molto bene.”

24 Commenti

  1. Azmoun? Siamo seri, al posto di Dzeko va bene Icardi, senno mi tengo Dzeko e al posto di Mayoral porto Belotti. Non si fanno le nozze con i fichi secchi.

  2. ha ragione Orsi , la difesa è inguardabile come quella dello scorso anno….ho fiducia in Mou per sistemarla ,se no sono dolori quando incontri squadre forti….

  3. Allo stato attuale, con Rui Patricio, Vina, dando per acquisitio Xhaka e recuperato Zaniolo, per me mancano un altro centrocampista ed un altro attaccante forte da affiancare a Dzeko. Le reti continueremo a subirle se non mettiamo a posto il centrocampo.
    Mi auguro riescano a liberarsi dei vari parassiti rimasti a prendere lo stipendio, a cominciare da Pastore.

    • Anche ieri abbiamo preso il primo gol perché i centrali hanno paura di compromettere la capigliatura a saltare di testa e perché perdono continuamente la marcatura…Sì, anche il centrocampo è carante, però mi sembra che i problemi siano anche e soprattutto specifici del pacchetto difensivo.

  4. Posto che siamo solo alle prime amichevoli e bla-bla-bla, mi pare che finora A) non abbiamo comprato nessuno. Forse con Xhaka si migliora (leggermente), ma per il resto non sento nomi in grado di cambiare sostanzialmente il livello della rosa B) la difesa continua ad essere mooolto, mooolto, discutibile, in particolare nei centrali C) la squadra fatica assai a superare palla a terra il primo pressing avversario D) in fase offensiva mancano idee e capacità di rendersi pericolosi con azioni manovrate. Spoiler: con questa rosa per agganciare il quarto posto occorrerebbe un miracolo dell’allenatore, ed io, sfortunatamente, credo poco nei miracoli.

    • D) Goal di Mayoral, Pellegrini e Dzeko (il primo) .. frutto di movimenti di squadra simili. Segno che le idee ci sono ed i goal sono venuti da azioni manovrate. Non c’è brillantezza, ma a questo punto della preparazione è una cosa normalissima….

      • Gol con lanci in verticale/svarioni della linea difensiva avversaria, che puoi fare con una neopromossa ungherese, ma che ben difficilmente replicherai con squadre dal Benevento in su.

  5. Bene i ragazzini. Superbo Pellegrini,recuperato dall infortunio e gran voglia di venire a salutarci sotto il settore,bentornato Lorè! Bene Zaniolo. Malissimo la difesa,servono 3 rinforzi. Speriamo in Florenzi perche Kprsdrop vaga per il campo. Male il nuovo portiere,sembra Antonioli. A centrocampo di certo la “lumaca” Xacka non darà la svolta e Veretout al massimo potrà fare la riserva. Campioni Texani,o ci riaiamo come sempre.

    • Karsdorp vaga per il campo …. ma se non hai nemmeno capito che quando un terzino (solitamente il destro) sale alto e l’esterno mancino rientra (Peres prima, Zaniolo poi, movimento dal quale scaturisce il secondo goal) l’altro terzino entra molto dentro il campo … lo faceva Tripi nel primo tempo, lo ha fatt oKarsdorp nel secondo.
      E quando la Roma perde palla, comunque Mourinho vuole che si resti alti per non permettere la giocata a campo aperto.

      • Professò, mi sa che dalla tv te sei perso qualcosa….daje he presto sarà Borghettino

  6. Certo che anche Ferrajolo…Di solito era uno dei pochi salvabili nel panorama desolante dell’etere romano. Pare si sia adeguato o voglia fare lo spiritoso. Che significa Roma meno bella ma più tosta? Meno bella? La Roma delle passate stagione è stata deprimente, francamente inguardabile, penso e mi auguro che “meno bella” sia davvero impossibile.

  7. @Vincent Vega … io capisco tu voglia avere sempre ragione…ma il modo di giocare della Roma, in parte, riprende quello visto dall’Italia e dalla Spagna all’Europeo. Si fanno fraseggi bassi, si “attira” la linea difensiva in pressione sulla palla e si va a cercare lo spazio (a quel punto maggiore) alle spalle dei due centrali di difesa.
    Oppure, si attira la squadra avversaria su un lato di campo (per l’Italia era il sinistro) e si cambia velocemente lato d’attacco.
    Come vedi, queste sono idee, manovre .. non giocate ” a caso”.
    Capisco che ormai hai assunto questo personaggio “leopardiano” .. ma (se mi permetti un umile consiglio) per essere più “credibile” devi anche sottolineare quelle (poche) cose buone.
    Tutti sappiamo (nel bene ma anche nel male) che queste sono partite che lasciano il tempo che trovano.
    Come non credo che siamo da Champions solo per aver battuto il Debrecen….così non penserò che siamo da retrocessione se dovessimo perdere con il Porto.
    Stanno lavorando … li lascio lavorare. Opinione personale, ovviamente.

  8. Io dico che aver finalmente visto tre gol con lanci nella profondità, a scavalcare due linee avversarie è una gran bella cosa da vedere, dopo due anni di “palla a terra da dietro” che cominciava a farmi venire l’orticaria. Per il resto si può dire che davanti Elsha, Dzeko, Mkhi e Zaniolo si trovano benissimo, possiamo dire che la difesa non è certo una roccaforte ma i giocatori sono quelli, possiamo dire Fuzato male e Darboe malissimo (ancora mi chiedo perchè venga osannato, è un disastro, solo passaggi in orizzontale e troppe amnesie) i correttivi possibili li metterà Mou, sul mercato faranno il possibile ma il progetto dei Friedkin è chiaro, chi pretende lotta per lo scudetto quest’anno meglio se tifa Juve

  9. Gentili amici giallorossi, le mie opinioni in risposta: E’ certamente troppo, troppo, presto (era la mia premessa) per trarre considerazioni anche approssimative, in qualsiasi senso, sul gioco che farà la Roma di Mourinho, incluse le verticalizzazioni che abbiamo visto col Debrecen che a me sono sembrate più che altro il frutto di improvvisazione + somma modestia dell’avversario. Potete stare certi che il mio non è atteggiamento preconcetto e che quando vedrò qualcosa di positivo lo scriverò sicuramente CON SOMMA GIOIA. Peraltro, chi mi legge sa che critico questa rosa da anni, la giudico insufficiente anche per il quarto posto (per me siamo da 5/7), quindi, in assenza di acquisti, con coerenza, non vedo come possa cambiare idea solo perché “adesso c’è Mou”. Il progetto Friedkin (dei quali ad oggi non ho sinora sentito mezza parola) lo vedremo nei prossimi anni, per ora di chiaro non c’è molto. Capisco però che il momento dell’industria-calcio e la situazione finanziaria del club sono quelle che sono: come ho scritto in altre occasioni, io ho tifato la Roma di Musiello e De Nadai, la Juve non la posso vedere e non pretendo di vincere lo scudetto domani (resta però che abbiamo il terzo monte ingaggi, eh). Certo preferisco lottare per le prime posizioni come è capitato anche con Pallotta e vedere (non di rado) bel gioco, bei giocatori e competitività per la Champions, (non lotta per la Conference col Sassuolo…). Alla prossima e FORZA ROMA!

      • Grazie e complimenti per il Nick…Toninho Cerezo…Quello si che era un giocatore di calcio universale (arrivato in punta di piedi poi), non le mezzecalzette che mi tocca tifare oggi.

  10. Io continuo a pensare che la Lazio sta facendo meglio..
    quest’anno tiferò per loro..ovviamente tiferò anche Roma..
    ma prima Lazio e Juve..poi anche roma..

Comments are closed.