Caprari: ‘Ringrazio Montella e lo spogliatoio giallorosso, che mi ha accettato dall’inizio’

08/05/2011 - 19:53

CAPRARI DOPO ROMA-MILAN – Gianluca Caprari, esterno della Primavera della Roma, è stato intervistato da Forzaroma.info dopo il suo esordio in campionato contro il Milan.
Ecco le sue dichiarazioni:

Caprari, com’è esordire in Serie A davanti ad un Olimpico gremito contro il Milan a soli 17 anni?
“Sicuramente è una bellissima sensazione. Per me esordire in Serie A davanti ad uno stadio Olimpico gremito è stato davvero molto emozionante anche se devo essere sincero ho imparato a gestire certe sensazioni perchè se voglio giocare a calcio, devo abituarmi a scnedere in campo in ogni sorta d’ambiente per una questione di professionalità. L’aver già esordito in Champions in questo senso mi è stato d’aiuto. Non smetterò mai di ringraziare questa società per tutto quello che mi sta dando e un ringraziamento particolare va a mister Montella che mi ha permesso di esordire anche in Serie A”.

Nel tuo passaggio dalla Primavera alla Prima Squadra c’è stato qualcuno nello spogliatoio che più di altri ti ha aiutato nell’inserirti in questo gruppo, del quale fai parte ormai da un paio di mesi?
“In tal senso mi reputo molto fortunato. Devo essere sincero che nello spogliatoio giallorosso si respira un’aria davvero bella. Il gruppo mi ha accettato e ben voluto sin dall’inizio e questo per me è stato uno stimolo eccezionale a lavorare ancora più sodo. Ci sono moltissimi esempi positivi nella Roma e c’è l’imbarazzo della scelta su chi prendere come esempio di professionalità”.

Ti senti di dedicare questo esordio a qualcuno in particolare?
“Lo dedico a tutte quelle persone che mi sono state e che mi sono accanto nella mia vita. Loro sanno a chi mi riferisco e non c’è bisogno che li menzioni ad uno ad uno. In particolare lo dedico, come ho fatto per l’esordio assoluto nel professionismo, alla mia famiglia, la quale è stata ed è tutt’ora sempre al mio fianco in questa mia avventura calcistica. Grandi meriti di questi miei risultati sono i loro frutti che stanno venendo a maturazione”.

In conclusione, tra poco ci sarà la Fase Finale del Campionato Primavera, sei consapevole delle particolari attenzioni che ti riserveranno i tuoi avversari sapendo che scendi dalla Prima Squadra?
“Sì. Ovviamente adesso mi conosco ancora di più ed avranno un cosidetto ‘occhio di riguardo’ nei miei confronti. Sono consapevole che fa parte del gioco, se voglio proseguire a fare il professionista in questo sport devo aspettarmi anche certe cose. Le vivo come uno stimolo a lavorare sodo in allenamento e a migliorarmi di volta in volta. Rigurado le finali, ci tengo moltissimo a fare bene con la Primavera perchè il gruppo merita di vincere qualcosa d’importante, dopo la sfortunata sconfitta in Coppa Italia e la precoce eliminazione agli ottavi del Viareggio”.

Scrivi il primo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*