CAGLIARI ROMA ZAPPA KARSDORP – Inizia a diradarsi la nebbia norvegese, con la Roma che già con il Napoli ha cominciato ad aggiustare la rotta e riprendere il cammino in avanti. Una gara combattuta sino all’ultimo secondo, che non ha portato gol, ma un punto ciascuno. E ora i giallorossi volano in Sardegna per ribadire il loro quarto posto, buttando sempre l’occhio al percorso dell’Inter, a due sole lunghezze di distanza. Il Cagliari invece è penultimo in classifica a 6 punti, e ha incassato tre sconfitte nelle ultime tre gare. Ma vietato sottovalutare chiunque, come ha detto Zaniolo: “Sono tutte partite da tre punti”. Mou l’ha dichiarato con largo anticipo, scenderanno in campo i titolari. E quindi sulla fascia destra ritroveremo Rick Karsdorp, a duellare a distanza con Gabriele Zappa.

Leggi anche:
Roma, c’è il piano Champions

Roma, Rick Karsdorp

Tutti a bordo, la locomotiva Karsdorp è ripartita per questa stagione e non ha intenzione di effettuare molte fermate, piuttosto vuole piazzarsi subito sui binari dell’alta velocità. Rick, secondo nome ‘insostituibile’: José Mourinho l’ha infatti battezzato come il guardiano ufficiale della fascia destra. E lui ripaga a suon di numeri; nelle sue nove gare (su 9) da titolare in campionato, attualmente è secondo in rosa per passaggi chiave (4), dietro a Lorenzo Pellegrini e Jordan Veretout, entrambi a 5. Non si è ancora fatto vedere troppo in fase avanzata, in Serie A, ma non si può dire che non ci sappia fare con i piedi, visto che conta l’85,4% di passaggi riusciti, con due big chance create, e in più su 9 dribbling tentati, 6 sono andati a buon fine. L’ex Feyenoord si spende in fase di spinta, ma anche in copertura, scorrazzando per la fascia a caccia di potenziali pericoli da limitare. Ad oggi, registra 8 palloni intercettati, 50 recuperati, 16 tackle e 29 contrasti vinti (18 persi). L’olandese aveva accusato qualche fastidio fisico prima del Napoli, ma si è rimboccato le maniche ed è sceso in campo per una delle partite più delicate di questa fase. E si ripeterà domani con il Cagliari. Contro i rossoblù ha presenziato due volte, e conta già un assist all’attivo nella vittoria per 3-2 dell’anno scorso. Ora, la benzina c’è, la cabina di comando è a posto: allacciate le cinture, a breve si parte.

Leggi anche:
I numeri, le opinioni e la realtà dei fatti (che promuove Mourinho)

Cagliari, Gabriele Zappa

Sulla fascia destra a fine partita, da un lato e dall’altro, probabilmente il campo sarà da sistemare. Se da un lato corre Rick Karsdorp, dall’altro c’è Gabriele Zappa ad ‘arare’ il campo con la sua spinta e la sua velocità. Il classe ’99 non è ancora un inamovibile di Mazzarri, ma domani avrà un’opportunità per tentare di cucirsi addosso la maglia da titolare. Sette presenze in campionato sino ad ora, di cui 3 da titolare, non ha ancora trovato la via del gol, come l’olandese, ma colleziona anche lui una buona percentuale di dribbling riusciti: 3 su 5. Inoltre, seppure non conti ancora passaggi chiave, ha una percentuale di precisione dell’82.6%. E come il giallorosso, anche lui si spende molto sia in fase di spinta e costruzione sia in quella di ripiego e copertura. All’attivo il giovane di Monza registra 2 palloni intercettati, 15 recuperi e 5 tackle. Numeri forse un po’ lontani da Rick, ma c’è da sottolineare la differenza di minutaggio tra i due giocatori. Il rossoblù, seppure più basso di qualche centimetro, supera però al momento il numero 2 nei duelli aerei (5 contro 2). Insomma, forse non sarà una sfida ‘occhi negli occhi’, ma sarà interessante capire su quale binario il ‘traffico’ scorrerà più o meno velocemente.