CAGLIARI ROMA INTERVISTE MAZZARRI – Tutte le dichiarazioni del tecnico rossoblù Walter Mazzarri in occasione di Cagliari-Roma, match valido per la 10a giornata di Serie A.

Mazzarri nel post partita a DAZN

Un ottimo Cagliari nonostante la sconfitta
“Le occasioni per andare sul 2-0 ne abbiamo avute un paio clamorose, oggi ho visto una squadra come piace a me. Siamo stati tatticamente perfette, non meritavamo di perdere anzi, avremmo meritato di vincere per le occasioni clamorose che abbiamo avuto. Dispiace per aver perso su due piazzati, il secondo piazzato non c’era perché c’era fallo su Lykogiannis, quindi non era punizione. Lykogiannis è stato ingenuo, però guardate non c’era fallo, c’è stato un errore arbitrale poi ci manca un rigore. Zaniolo si butta dopo, poi c’è un rigore per noi abbastanza clamoroso, dato che c’è il VAR… Mancini dà la spinta a Pavoletti, lo butta e poi fa finta di cadere, come minimo andava rivisto al VAR, come ha fatto Banti con la Fiorentina, se si fosse guardato meglio… Quando la squadra gioca così, non mi piace perdere per errori arbitrali, se il VAR c’è e vale per tutti… A Firenze non se n’era accorto nessuno, probabilmente facevamo il 2-2 e sono un po’ arrabbiato per la partita fatta contro una squadra forte, vogliamo essere trattati come gli altri”.

Cosa vi portate a casa?
“Il Napoli è primo in classifica con Insigne che fa le stesse cose di Joao Pedro, abbiamo aspettato la Roma che non aveva fatto quasi niente fino al gol, anzi un paio di occasioni le hanno avute su piazzati. Bellanova ha preso la traversa, Pavoletti ha sfiorato la doppietta poi si è divorato un gol, però sono orgoglioso dei giocatori perché ho visto una squadra di Mazzarri con sei assenze e c’è stata una grande risposta. Se dovessimo giocare sempre così, non ci sarà problema. La Roma ha grandi valori, noi avevamo sei assenze ma i ragazzi meritavamo almeno il pareggio, mi dispiace non averlo ottenuto per errori arbitrali abbastanza evidenti”.

Mazzarri a DAZN nel pre partita

“L’allenatore in questi casi deve solo pensare a motivare gli altri, di far credere che possiamo giocarcela con chiunque se tiriamo fuori gli attributi possibili. Alcuni hanno giocato poco davvero, per loro è l’occasione per dimostrare che sono all’altezza degli altri e che qualche volta posso fare scelte diverse anche io”.

Pavoletti?
“È un combattente. Siamo consapevoli che affrontiamo una super squadra, una corazzata, giocano quelli che hanno sempre giocato. Anche la Roma ha avuto problemi quando ha fatto 5-6 cambi. Voglio vedere un Cagliari con un’identità e che cerca di rendere difficile la partita alla Roma”.

L’idea è difendere prima di tutto?
“Non dobbiamo dare spazi, ma cercare di metterli in difficoltà quando abbiamo la palla”.

13 Commenti

  1. Ci mancava e dopo tanti anni, dice sempre le stesse cose. Veramente vede solo le sue cose mentre di quello che fanno gli altri non ne parla nemmeno.

  2. Rimane l’allenatore più piagnone della storia. È sempre colpa degli arbitri, del vento, l’invasione delle cavallette….

  3. Il solito Mazzarri.
    Se lo chiamano piangina ci sarà pure un motivo! 😁
    Rabbrividisco alla sola idea che uno così abbia rischiato di sedere sulla panchina della Roma! 🥶

  4. Il solito piagnisteo. Non dice però che Joao Pedro andava espulso per una gomitata volontaria e plateale a Cristante. Rigore inesistente: si strattonano in tre e cadono tutti su palla alta irraggiungibile per Pavoletti.

  5. Lo ha riesumato il Cagliari perchè ormai dopo aver chiamato tutti i tecnici sulla piazza, non rimaneva che il vecchio Mazzarri e le sue proverbiali lagnanze per gli errori dell’arbitro e degli avversari. Sinceramente non ne sentivo la mancanza. Comunque per come è paonazzo, qualche dubbio mi viene.

Comments are closed.