Bove: “Sono tranquillo, anche se gioco meno. Diventare il futuro De Rossi? Vorrei avere la mia carriera”

Marco Guerriero
13/03/2024 - 22:00

La conferenza stampa di Edoardo Bove alla vigilia di Brighton-Roma, match valido per il ritorno degli ottavi di Europa League

Bove: “Sono tranquillo, anche se gioco meno. Diventare il futuro De Rossi? Vorrei avere la mia carriera”

BOVE BRIGHTON ROMA – Non solo Daniele De Rossi, anche Edoardo Bove è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia di Brighton-Roma, match valido per il ritorno degli ottavi di Europa League. Direttamente dal Falmer Stadium, il centrocampista giallorosso, insieme al mister, ha risposto alle domande dei giornalisti. Di seguito le dichiarazioni testuali.

Brighton-Roma, la conferenza stampa di Bove

La trascrizione integrale parola per parola

Come stai vivendo questo momento in cui stai facendo un po’ di panchina?
“Lo affronto come ho sempre cercato di farlo nel mio lavoro e in tutto il mio percorso. Credo che ogni giocatore abbia il suo e ci sono momenti in cui si gioca un po’ di più e altri meno. La bravura credo sia nella costanza di continuare a lavorare, non solo per migliorare ma anche per continuare un tipo di lavoro iniziato. In allenamento vedo notevoli progressi. Non ho problemi, sono tranquillo. Quando ho l’occasione, cerco di dare sempre il massimo. Per un calciatore penso che questo sia importante”.

Domani giochi centrale o mezzala?
“Ancora non lo so. Potevi farla al mister (ride, ndr). C’è un aspetto che il mister ci sta trasmettendo da quando è arrivato. Facciamo un determinato tipo di rotazione, e nel momento in cui un giocatore  si ritrova a ricoprire un ruolo che non è il suo, quel giocatore deve giocare come se giocasse nel ruolo dove si trova. Questo è il nostro concetto. Personalmente, non mi fa molta differenza giocare più centrale o più avanzato”

In molti vedono in te il De Rossi 20 anni fa. Che effetto ti fa averlo accanto? Pensi mai a diventare il De Rossi del futuro?
“Mi fa un effetto bellissimo. Il primo impatto è quello di un ragazzo che l’ha sempre visto giocare in televisione, poi inizia un rapporto tra allenatore e giocatore. Sono onorato del fatto che possa darmi dei consigli che nessun altro allenatore può darmi, anche per la carriera e l’esperienza che ha avuto. Sulla seconda domanda, se devo essere sincero un pochino me l’aspettavo. C’è sempre questo tipo di accostamenti. Ma io onestamente credo che ogni giocatore abbia la sua carriera. Naturalmente io se dicessi che spero di avere una carriera come quella del mister non mentirei, però io voglio avere la mia carriera. Essere accostato va benissimo, è un onore, però vorrei avere la mia carriera”

SEGUI ROMANEWS.EU ANCHE SU FACEBOOK!

Vedi tutti i commenti (2)

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

    Tutti i commenti

  1. Edo devi dirglielo in faccia a quei compagni di merende di DDR e Pellegrini.. che nun te faranno mai giocà quanto meriti.. offuscheresti Pellegrini .. e pe tenesse bono lo spogliatoio DDR non te fa gioca 

    1. Ma che sei la sua fidanzata?
      Ruoli completamente diversi. Qui di offuscata c’è solo la tua mente.
      Sempre forza Roma!

Seguici in diretta su Twitch!

Leggi anche...