29 Aprile 2022

Boniek: “Zalewski è il più romanista di tutti in questo gruppo. Io lo proverei trequartista”

BONIEK ZALEWSKI – Zibi Boniek è intervenuto ai microfoni di Centro Suono Sport, nel corso del programma Te la do io Tokyo. Tra gli argomenti trattati in particolar modo il connazionale e giovane talento della Roma Nicola Zalewski, nato a Tivoli, ma ‘polacco al 100%’ come ha detto lui stesso. Di seguito le parole dell’ex presidente della Federazione polacca.

Leggi anche:
Leicester-Roma, le pagelle dei quotidiani: Zalewski perfetto, Smalling comanda la difesa

Zalewski e la Nazionale

“E’ nostro, è romano e romanista. Ai nostri tempi non c’era la possibilità di essere brasiliano e giocare per l’Italia o essere italiano e giocare per la Polonia. Adesso sono caduti dei paletti in tal senso. Nicola è nato in Italia da giocatori polacchi e lui dentro è polacco. Poi potrebbe giocare anche per la Nazionale italiana ma perché toccare questo tasto quando i genitori si sentono polacchi? Quando ero presidente della Federazione polacca non volevo andare in giro a cercare giocatori da naturalizzare perché avevano origini polacche, dicevo ‘giochiamo con i calciatori che si sentono polacchi’, naturalizzare è un gioco che non vale la candela secondo il mio punto di vista”. 

Le caratteristiche di Zalewski

Detto questo Nicola è il più romanista di tutti in questo gruppo di giocatori e lo dico perché lo conosco. È strafelice di fare la carriera di calciatore e di giocare con la Roma. È un buon calciatore e si sta adattando alla grande a questa posizione che gli ha trovato Mourinho. Ha una grossa tecnica, è veloce, la palla non gli dà fastidio, ha il piede veloce e potrebbe giocare anche un po’ più avanti. Ho sentito che a lui piacerebbe giocare anche un po’ più in mezzo, essere più partecipe a qualsiasi azione, per questo però deve crescere.  Trequartista? Ma anche come numero 8 perché ha fatto passi in avanti per il recupero della palla: ieri è riuscito a fermare 4-5 volte i giocatori del Leicester nel secondo tempo, quando eravamo in grossa crisi. La partita di ieri ci ha dato l’opportunità di sognare la finale ma se la analizziamo bene abbiamo sofferto. Mourinho, che è un grandissimo, dice che il possesso palla non vale niente ma su questo argomento polemizzerei perché, come diceva Liedholm, se hai la palla per tutti e 90 i minuti non perdi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

3 commenti

  1. Rizietto ha detto:

    Zibì farebbe benissimo come dirigentre nella Roma, lo penso da anni..

  2. Giorgio ha detto:

    Zalewski fenomeno ora sta imparando un altro ruolo ma giocando tre quarti sta, come dice Zibi, con un Spinazzola ristabilito a spingere a sinistra diventerebbe una Roma con alti valori tecnici

  3. Vincent Vega ha detto:

    Tanto ne abbiamo appena un’altra decina di trequartisti più o meno capaci…