6 Aprile 2022

Bodo Glimt, Haikin: “Il nostro DNA è lo stesso del 6-1, non abbiamo paura”

Foto Tedeschi

HAIKIN ROMA BODO – Nikita Haikin, portiere del Bodo/Glimt, ha rilasciato un’intervista al Corriere dello Sport. Il numero 12 dei norvegesi ha parlato della partita contro la Roma di domani, tornando anche sul doppio confronto precedente. Ecco alcune delle sue parole:

Leggi anche:
La Roma si scalda per la Norvegia, la neve e il sintetico preoccupano Mourinho

L’intervista

È felice di ritrovare la Roma? In Italia tutti ricordano il 6-1. 
“Penso che sia un ottimo sorteggio. Noi li conosciamo, loro conoscono noi. Anche se hanno aggiunto nuovi calciatori. Noi abbiamo perso Botheim e Berg, ma non esistono giocatori insostituibili e il nostro DNA è rimasto lo stesso”.

Che emozioni prova ripensando a quel successo? 
“È stata una partita incredibile che resterà nella storia del Bodo/Glimt e del calcio norvegese e mondiale per molto tempo. Quella sera ogni giocatore era a mille”.

Quante possibilità ha il Bodo di passare il turno?
“Tutto quello che possiamo fare è lavorare sodo e prepararci. Sono i quarti di finale del torneo, non si possono paragonare alla fase a gironi. Ma possiamo vincere”.

Chi teme tra gli attaccanti della Roma?
“Non temo nessuno, non mi concentro su chi schiererà Mourinho, penseremo a noi stessi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

2 commenti

  1. Maridodo ha detto:

    Va bene fenomeno.
    Parla parla. Poi vediamo.

  2. guidone ha detto:

    Ti seguirò con piacere 😉