AMRA DZEKO INTER – Non sarà allo stadio, ma per la prima volta vedrà giocare suo marito contro la Roma dopo i sei anni in giallorosso, Amra Dzeko. La moglie dell’attaccante bosniaco ha rilasciato un’intervista alla Gazzetta dello Sport dove ha parlato anche dei suoi anni nella Capitale nei quali ha anche collaborato molto con l’associazione benefica giallorossa, Roma Cares. Ecco alcuni stralci della sua intervista:

Leggi anche:
Roma-Inter: dopo due anni torna Totti all’Olimpico

I ricordi di Amra Dzeko a Roma

Impossibile dimenticare sei anni, giusto? 
“Proprio così, a Roma sono nati i nostri tre figli. Per noi è e sarà sempre casa”.

Che accoglienza si aspetta da parte dell’Olimpico? 
“Non lo so, magari qualche tifoso lo fischierà, anche se spero di no, ma so che in caso saranno fischi all’avversario, non a Edin in quanto persona o a quello che ha fatto per la Roma. I tifosi, quelli che lo hanno sempre sostenuto, anche sui social o venendoci a parlare di persona, sanno che non si poteva fare diversamente. I sei anni a Roma per noi sono stati importantissimi”

Lei era molto legata anche alla Roma società, ha partecipato a varie iniziative benefiche ed è stata il volto principale di “Amami e basta”, la campagna contro la violenza sulle donne di Roma Cares. 
“Sì e ho già dato la mia disponibilità per altre iniziative se servisse. Il cambio di maglia non cambia il mio impegno”.

3 Commenti

  1. Lo spero anche io. È un grandissimo giocatore e non vederlo con la nostra maglia addosso mi dispiace tanto ma quello che ha fatto qui io non lo dimentico. Spero anche altri la pensino così e che non riceva fischi.

  2. Per quanto mi riguarda solo applausi per Edin. Terzo miglior marcatore nella storia della Roma. E un grazie di cuore a Amra per il suo impegno sociale. Spero vivamente che quando Edin finirà di giocare possa tornare con tutta la famiglia a vivere di nuovo a Roma e, hai visto mai, darci una mano come dirigente. Ma per stasera esiste solo un coro ovvero: Daje Roma!!!

Comments are closed.