ROMA CAMPAGNA VIOLENZA DONNE FIENGA – La Roma scende in campo ancora una volta per una giusta causa. Oggi al Campidoglio va in scena la conferenza di presentazione di ‘Amami e basta‘, campagna contro la violenza sulle donne ideata dal club giallorosso. Presenti all’evento la sindaca Virginia Raggi, l’AD Fienga, Pastorella, capo del ‘Roma Department’ e Amra Dzeko, moglie di Edin.

Fienga interviene nel corso della conferenza stampa di presentazione della campagna promossa dalla Roma contro la violenza sulle donne

“Mi piace sottolineare una cosa che ci rende orgogliosi. Abbiamo notato estrema sensibilità nelle famiglie dei nostri giocatori. Le mogli e le compagne hanno sviluppato il progetto. Abbiamo sfruttato l’occasione del calendario per poter riflettere su un tema che il lockdown ha reso più evidente. Le mogli dei nostri giocatori che io chiamo le nostre campionesse, hanno immediatamente aderito e collaborato all’ideazione dell’idea. Lo scopo è quello di dare eco e visibilità alle iniziative per aiutare le donne. Si vuole fornire supporto economico alle donne per emanciparsi, così da dargli una libertà importante”.

“Abbiamo scattato le foto nei posti più rappresentativi della nostra gente. La Roma è una piattaforma sociale potente e funzionante. Ha una responsabilità e ci piace sensibilizzare su determinati temi stando tra la nostra gente. L’abbiamo visto a San Basilio, per la distribuzione della mascherine, al Tufello per il murale di Gigi Proietti. La Roma è di Roma e deve stare ovunque dentro Roma. La prima cosa è sempre vincere all’Olimpico o nel nuovo stadio, ma serve anche altro”.

Le parole di Amra Dzeko

“Sono cinque anni che vivo a Roma e osservo l’attività che Roma Cares svolge. Quando il responsabile di Roma Cares mi ha chiesto di aiutarlo a portare avanti questa campagna contro la violenza sulle donne, mi sono sentita in dovere di rispondere presente. Come madre ho ritenuto giusto spendermi per questa nobile causa, che non solo condivido, ma propongo come moglie del capitano della Roma a tutte le donne e agli uomini di sostenerla. Spero di toccare le coscienze e iniziare a cambiare le cose”.

“Appena Pastorella mi ha chiesto una mano mi sono subito messa al lavoro. È un onore farne parte, è una causa molto grande e importante. Le altre mogli per me sono diventate amiche, sono donne forti e mamme. Mi hanno subito risposto di sì, anche chi si vergognava un po’ di stare davanti alle camere. I nostri mariti ci hanno sostenuto e partecipato in piccoli progetti di questa campagna che usciranno presto. Sono orgogliosa di tutto questo, ognuno può fare qualcosa”.

Il comunicato di Roma Capitale e Roma Cares

Roma Capitale e Fondazione Roma Cares firmano un accordo per progetti contro la violenza sulle donne e lanciano il calendario “Amami e basta”: il ricavato sarà destinato all’attivazione di percorsi di formazione dedicati a donne vittime di violenza seguite dalle strutture capitoline. A supporto dell’iniziativa, il Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri consentirà la promozione del numero di pubblica utilità antiviolenza e stalking 1522.

Il calendario si potrà acquistare dal 28 novembre negli AS Roma Store e dal 1° dicembre su Asromastore.com e nelle edicole della Capitale. Il calendario prodotto dalla Fondazione dell’AS Roma vedrà protagoniste le mogli o compagne dei giocatori giallorossi. L’obiettivo è sensibilizzare sulla tematica della violenza di genere e contribuire, in collaborazione con l’Amministrazione Capitolina, all’attivazione di percorsi di formazione finalizzati all’inserimento nel mondo del lavoro delle donne attualmente accolte presso le strutture di madri con bambino, le case famiglia in convenzione, le case rifugio e di semiautonomia o in carico ai centri antiviolenza e ai servizi sociali di Roma Capitale. I percorsi formativi avranno il duplice obiettivo di valorizzare le potenzialità personali e di portare avanti una formazione professionale in linea con le scelte lavorative maturate, anche con il contributo di Manpower e della sua Fondazione Human Age Institute. La campagna mira anche a non far sentire sole le donne che subiscono violenza e a sostenerle nel trovare il coraggio di denunciare gli abusi subiti.

Ogni pagina del calendario contiene un QR code che rimanda direttamente alla pagina “Roma per le donne” del portale di Roma Capitale, dedicata all’elenco di tutte le strutture antiviolenza del territorio cittadino.

Le iniziative in rete proseguiranno, anche con la collaborazione tra l’Amministrazione Capitolina e il nuovo Roma Department del Club.

“L’impegno contro la violenza sulle donne deve essere concreto. Come Amministrazione abbiamo messo in piedi nuovi servizi, nuovi centri antiviolenza, nuove forme di ospitalità per donne che hanno bisogno di protezione e sostegno. In questo senso l’iniziativa “Amami e basta” che lanciamo in collaborazione con Fondazione Roma Cares riveste un grande valore, perché unisce l’opera fondamentale di sensibilizzazione all’obiettivo di creare nuove opportunità di riscatto per le donne che intraprendono un percorso di fuoriuscita dalla violenza con il supporto dei nostri servizi”, dichiara la Sindaca di Roma Virginia Raggi.

“Sono profondamente grata – ha detto la Ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia Elena Bonetti – per l’impegno pubblico che con questa iniziativa As Roma e la Fondazione Roma Cares hanno voluto assumere nel contrasto alla violenza contro le donne. È un segno grande quello che presentiamo oggi e ho tenuto ad accompagnarlo con la mia presenza: una comunità sportiva che rifiuta la violenza e tende la propria mano alle donne che ne sono vittime per dire che non sono sole, e che dalla violenza si può uscire. È un esempio che conferma lo sport come il luogo della cittadinanza e dell’educazione e fa onore ad una società di calcio molto amata. Spero possa essere d’ispirazione per tanti che vorranno impegnarsi al fianco delle donne”, ha concluso la Ministra.

“L’impegno contro la violenza sulle donne deve coinvolgere tutti noi. Siamo particolarmente felici di poter contare su testimonial d’eccezione come le mogli e le compagne dei calciatori, che sono state entusiaste di aderire alla nostra campagna. Questo dimostra una volta ancora che l’AS Roma non è solo un club di calcio, ma una grande famiglia pronta a scendere in campo per iniziative di forte rilevanza sociale”, dichiara il Ceo dell’AS Roma Guido Fienga.

“Dalla messa in rete di risorse, idee e servizi possono nascere nuove importanti opportunità per i cittadini. L’iniziativa “Amami e basta” rientra appieno nelle iniziative virtuose di condivisione e impegno comune, che come Amministrazione incentiviamo e sosteniamo da sempre. Insieme alla Fondazione Roma Cares abbiamo dato vita già ad altre importanti iniziative, tra cui in quest’anno delicato il centro estivo gratuito dedicato a bambini le cui famiglie si trovano in condizioni di fragilità economica e sociale. Sono azioni concrete, che fanno la differenza per tanti. Ringrazio il Dipartimento Pari Opportunità, la Fondazione dell’AS Roma e tutti coloro che hanno contribuito al lancio di questa nuova iniziativa, insieme ai tanti cittadini che con un piccolo gesto sapranno di aver messo un tassello in più nel percorso di fuoriuscita dai maltrattamenti delle donne seguite dai nostri servizi antiviolenza”, dichiara l’assessora alla Persona, Scuola e Comunità Solidale di Roma Capitale Veronica Mammì.

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità