Foto Getty

ROMA WOLSFBERGER MOVIOLA – La Roma è approdata ai sedicesimi di Europa League da seconda classificata e, considerando il cammino giallorosso nel torneo, sembra un risultato stretto. Il percorso della squadra di Fonseca inoltre è stato pesantemente condizionato da errori arbitrali. Anche ieri contro il Wolsfberger alcuni decisioni hanno fatto discutere. In primis il gol che ha portato al pareggio austriaco.

Ancora un errore che pesa sulla classifica finale

In occasione del pareggio del Wolfsberger al 63’ l’azione è viziata da un fallo a centrocampo non segnalato su Mkhitaryan. E anche questo è un episodio che pesa sul bilancio finale. La squadra di Fonseca, infatti, chiude il girone di Europa League con qualche rimpianto, perché avrebbe potuto qualificarsi come testa di serie. Come riporta La Gazzetta dello Sport, nei primi minuti del match, il portiere del Wolsfberger esce e atterra Edin Dzeko, e per l’arbitro Pawson non ci sono dubbi, il rigore è netto. Il bosniaco giallorosso protesta anche in occasione di un ipotetico fallo di mano in area, ma questa volta il fischietto inglese lascia giustamente correre. In ogni caso, la mancata segnalazione del fallo su Mkhitaryan è solo l’ultimo degli errori arbitrali. Sono ancora freschi nella memoria quelli nel doppio confronto con il Borussia Mönchengladbach che contribuiscono ad aumentare i rimpianti per un primo posto decisamente a portata di mano.