Le dichiarazioni di Gianni Corci, agente di Matteo Ferrari, a Romanews.euDa lunedì in poi si deciderà il futuro di Matteo Ferrari. La Roma e Gianni Corci, manager del difensore, si sono dati appuntamento tra sette giorni per prendere una decisione. Un po’ di tempo per pensare. Una settimana per riflettere, per mettere in atto un giro di “consultazioni”. Un periodo prezioso sia per Ferrari che per la Roma, perfettamente consapevole del fatto che il difensore è molto corteggiato da altri blasonati club. La società giallorossa avrà modo di pensare se sarà o meno il caso di alzare l’offerta e colmare il gap  che la separa dalle altre squadre in lizza per Ferrari. Sette giorni decisivi, dunque. Ma la settimana che sta per iniziare, a partire proprio da lunedì, potrebbe essere quella più importante per comprendere le mosse di questa storia di calciomercato.La sensazione è che possa accadere tutto. Il giocatore desidera restare, ma tre grandissimi club premono per portarlo via da Roma e garantirgli ingaggi più gratificanti. Questa settimana, dunque, servirà per valutare attentamente queste delicate situazioni. Uno stand-by riflessivo, la fumata tra una settimana. “Matteo mi chiede di poter rimanere a Roma”, fa sapere Gianni Corci a Romanews.eu. Il quadro è chiaro. Il giocatore vorrebbe restare, apprezza la città, si trova bene nella Roma. Ma il manager ha il dovere di sondare il terreno, guardarsi intorno ed arrivare all’appuntamento con la società giallorossa con le idee chiare.
Ferrari è desideraro da club italiani ed esteri. Lo vuole il Trabzonspor, lo corteggia lo Zenith di San Pietroburgo, disposto a riconoscere al giocatore un ingaggio di 3,5 milioni a stagione. Cose da far tremare i polsi. Ma il vero pericolo arriva dai grandi club italiani. Lo vuole il Milan (che lo cerca da un anno), lo insegue la Juventus. Ma nelle ultime ore è tornata in corsa anche l’Inter di Massimo Moratti. Tutto da vedere, dunque. Il nodo si scioglierà solo tra qualche giorno. Quando al tavolo della trattativa, nella cornice dell’ultimo atto, Ferrari e la Roma cercheranno di concludere in un modo o nell’altro la vicenda contrattuale.
Queste le dichiarazioni di Gianni Corci a Romanews.eu
“Quello di ieri, è stato un incontro in cui si sono fatti dei passi in avanti, molto importanti e concreti. C’è un assoluto desiderio da parte della società di confermare Matteo in tutti i sensi, e questo mi ha fatto molto piacere. Questo, è chiaro, ti dà una spinta in più per poter arrivare ad una conclusione positiva. L’incontro è stato all’insegna della cordialità e dell’estremo rispetto delle parti: ho trovato una famiglia di fronte a me. Per questo, ci siamo aperti anche al di là delle considerazioni tecniche”. Per conoscere la verità, però, occorrerà attendere ancora poco tempo. “Sì, è vero. Ci siamo dati appuntamento tra sette-otto giorni per poter riflettere in tranquillità, per poter meditare serenamente. Le linee principali sono state tracciate. E su quelle linee l’accordo si potrebbe trovare. Ormai si tratta solo di dettagli. Uno di questi dettagli, è rappresentato dalla durata del contratto, ossia dall’entità del prolungamento”. Facciamo chiarezza. L’offerta economica complessiva fatta al giocatore e calcolata nei tre anni sarebbe superiore rispetto a quello che percepisce ora. Nei quattro anni, invece, la cifra sarebbe più o meno quella che il giocatore guadagna oggi. “Noi, – continua il procuratore – per valutazioni nostre, vorremmo un contratto di tre anni; la Roma di quattro, per dimostrare con maggior forza quanto Matteo rientri nei programmi. A livello economico, invece, più o meno ci siamo”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here