Foto Tedeschi

RINNOVO PELLEGRINI – Rischia di interrompersi dopo tanti anni la tradizioni di capitani romani e romanisti. Florenzi, dopo il periodo di prestito a Valencia e Psg, è in cerca di una sistemazione definitiva e Pellegrini, capitano attuale, ha il contratto in scadenza tra un anno.

Florenzi a rischio cessione

I discorsi per il nuovo contratto ormai si trascinano da tantissimo tempo e la preoccupazione sale. Per il momento, come scrive La Repubblica, non sembrano esserci chiari ed evidenti segnali di rinnovo, se non la priorità data da Pellegrini al club in cui è cresciuto. Ha una clausola rescissoria di trenta milioni (pagabile in due tranche), valida nel mese di luglio, proprio quando il centrocampista conoscerà Mourinho. Un colpo di fulmine tra i due potrebbe azzerare qualsiasi pensiero negativo, dando continuità a una tradizione di capitani romanisti. Ma per il momento ancora nulla di fatto.

Leggi anche:
L’ATALANTA PUNTA FLORENZI: PUO’ RIENTRARE IN UNO SCAMBIO

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità

38 Commenti

  1. Volesse il cielo che questa società abbia aperto gli occhi sull’inutilità di queste capitANO.
    Pellegrini via da Roma prima di ripetere l’errore fatti per Florenzi (che comunque è stato meglio di Pllegrini stesso).

    • parole sante….io direi l estinzione dei capitani romanisti scarsi ….c e capitano e capitano , Florenzi e Pellegrini non sono assolutamente all altezza di una squadra che punta ad andare in champions , figuriamoci come capitani…senza merito alcuno

  2. Ma che cxxxo c’entra la tradizione . . . Se un giocatore (e uomo) è romano, romanista e soprattutto DEGNO della fascia evviva, ma se così non è, chi se ne frega della tradizione. Menomale che Mou è obbiettivo, furbo e conoscitore di calcio, e soprattutto non guarda in faccia a nessuno. Nessun rimpianto, per Vitinia (peraltro meno peggio) e per il 7. Buona fortuna, a fine carriera vi aspettiamo per un brindisi.

  3. Articolo scritto in “P-boy style”, commenti idem. Tutta fuffa. Gli ultimi giorni del pallottismo sono lunghi, con l’arrivo di Mourinho verrà tutto spazzato via

  4. Pellegrini ma Capitano de che, e’ stato solo un ripiego dopo la lite Dzeko Fonseca . Non mi sembra proprio abbia il carisma, la personalità e il carattere per essere il Capitano di una Roma che aspira a grandi traguardi.

  5. Che vogliamo mettere questi due con de rossi e totti o anche a ritroso con giannini di bartolomei ecc.Il capitano rappresentaa la Roma e di norma è il piu forte e il piu carismatico della squadra e mi sembra che questi due non siano ne l uno ne l altro so romani comala raggi il romano e tut altra cosa.Mai un romano si abbraccia dentro gli spogliatoi con un juventino o fa gli auguri ad un laziale in publico falli in privato .

  6. Servono buoni giocatori per raggiungere obbiettivi.
    Pellegrini se non rinnova e vuole andare di certo non mi dispero.
    Giocatore modesto che ha qualche sprazzo,non sa battere punizioni e non è un leader.
    Di talenti negli ultimi 30 anni a Roma c è stato solo Totti.

  7. Essere romano e romanista, non significa avere di diritto la fascia di capitano o essere per forza un punto fermo della squadra.
    Un VERO romano e romanista, avrebbe fatto inserire una clausola nel contratto per liberarsi???
    Rispondeteve da soli…

  8. Scusate se mi permetto … Partiamo da un concetto sbagliato, secondo me.
    La Roma ha avuto la fortuna (o sfortuna .. dipende) di avere due dei più forti “romani e romanisti” che ha avuto nella sua storia, all’interno della stessa generazione (De Rossi e Totti).
    In particolar modo Totti, da un punto di vista calcistico, è stato qualcosa di meraviglioso.
    Il problema è che, adesso, i “romani e romanisti” devono rapportarsi a quei modelli nella nostra testa ma non è possibile.
    Florenzi era un tipo di giocatore prima di lasciarci DUE ginocchia: centrocampista, ala più di raccordo .. terzino lo poteva fare in una squadra con sempre la palla tra i piedi (stile PSG in Francia, per intenderci o come gioca la nostra Nazionale con Mancini), ma ha limiti fisici in quel ruolo. Ma non è una pippa o peggio come leggo.
    Pellegrini … se da lui mi devo aspettare Totti, non ha senso. Non è quel tipo di giocatore. Ma non è nemmeno una pippa immonda, dai. Se non era per l’infortunio, giocava gli europei e, se vi andate a guardare le partite dell’Italia, era uno dei titolari.
    Quindi decidiamoci: Mancini è un genio visto come ha trasformato l’Italia oppure un idiota perchè faceva giocare Pellegrini ?
    Lorenzo è un buon, buonissimo giocatore in un certo contesto, e questo contesto non dipende solo da lui ma da chi gli gioca accanto.
    I soldi ? Fanno quel mestiere … a suo tempo anche Daniele trattò … è una cosa normale.
    Cerco di essere ancora più esplicito: prima di arrivare al “problema” Pellegrini .. la Roma ne avrà da risolvere altri 5/6 come giocatori da mandar via il prima possibile …

    • Tra Pellegrini e Pastore mi tengo il secondo.Se è in giornata (anche una sola su 38)fa la differenza.Pellegrini non solo non fa mai nessuna differenza ma molte volte è deleterio (rovina tutte le punizioni..rovina quasi tutti i calci d’angolo…rovina un sacco di contropiedi…molte volte se la prende con i compagni con atteggiamenti vergognosi)Via subito da Roma dentro al suo posto titolare fisso Villar che ê tre volte Pellegrini

      • forse perchè se la smettessi di dare del P-boy a destra e sinistra o del laziale … ci toveremmo d’accordo anche su altro. Forse in maniera diversa, ma siamo romanisti .. ed un punto in comune, tutti noi, ce l’abbiamo….la ROMA.

  9. Questo è lo scenario prossimo se la conduzione della “primavera” e del settore giovanile in generale continuerà ad essere solo un circo esterofilo per delle piccole plusvalencelle o toppe di bilancio (vedi i recenti contratti col vVerona….geroglofico Fiengano. Comunque Calafiori esploderà…..

  10. Ovvio che bisogna vendere, florenzi, pellegrini, darboe, forse anche zaniolo
    Spero nessuno speri di fare cassa con j jesus, nzonzi, dzeko, pastore o simili. Già va bene se si riescono a regalare

  11. Per essere capitano ti servono carisma e attaccamento alla maglia…
    Florenzi mi sembra non abbia proprio intenzione di tornare (e comunque è andato a Valencia perchè “voleva il posto sicuro”), Pellegrini stà prendendo la società (ovvero NOI), e di rinnovare non se ne parla… non solo, all’ultimo rinnovo ha voluto la clausola rescissoria BASSA (se sei attaccato alla maglia a che ti serve la clausola per andare altrove?)
    Non dico firmare in bianco (altri tempi…), ma ho visto più attaccamento (e leadership) da altri giocatori in rosa… Spina, Cristante, Mancini…

  12. Non ci sarà nessun colpo di Fulmine…..mi ricorda tanto la storia di Aquilani!!!con questa gente non si vince cisi rimette!! Grazie di niente Lorenzo!

  13. Una domanda : non so quante migliaia di partite ho visto negli ultimi 40 anni, certo quelle della Roma TUTTE negli ultimi 35 anni, rimandando battesimi, comunioni, matrimoni. Mbeh, non ho però visto MAI un giocatore che non colpisce (quasi) MAI il pallone di testa. C’è qualcuno che può dimostrarmi il contrario riguardo il cosiddetto capitano ?

    • caro doktor … io, purtroppo, dal 1984 , data nella quale sono partito, con una valigia piena di libri e pochi vestiti, per andare a lavorare all’estero, ed e’ stata la mia fortuna, anche se ho dovuto rinunciare poi, per anni ed anni, a tantissime cose meravigliose di Roma e dell’ Italia, ed ho visto poche partite della Roma perche’ , dove mi trovavo, non avevo nemmeno una televisione ma solo il cielo e tante , tante stelle .. ma sono d’ accordo con te .. Pellegrini non colpisce di testa, ma come tutti i centrocampisti, anche di attacco, della cultura Italiana .. Baggio colpiva di testa ? e Rivera ? e Giannini ? e anche Totti non era un colpitore di testa seriale .. pensaci e dimmi se ho torto ..

  14. Grazie della risposta. Nessuno dei nominati, di fronte ai quali mi inchino, erano colpitori seriali, vero. Ma il nostro dà proprio la sensazione di incapacità e quasi di timore nel suddetto esercizio. Ma è tutto il contesto che gira e suona male, dallo sguardo corrucciato alle mani sui fianchi, lo sbuffo sul ciuffo e la sufficienza con cui si rapporta coi compagni. Mi rendo conto di essere insistente e quasi monotono, ma leggere quotidianamente certe castronerie e vedere che qualcuno (pochi per fortuna) ancora paraocchiato le condivide, mi fa male. Fiducia in Mourinho che si renderà presto conto della inconsistenza del 7.

Comments are closed.