A scuola da Dybala. Così Baldanzi vuole diventare la nuova ‘Joya’

Valerio Bottini
08/02/2024 - 7:22

Getty Images
A scuola da Dybala. Così Baldanzi vuole diventare la nuova ‘Joya’

BALDANZI DYBALA ROMA – E’ Tommaso Baldanzi il pezzo forte del mercato invernale della Roma. Il fantasista è arrivato dall’Empoli per 10 milioni più 5 di bonus, un investimento importante che dimostra quanto la società punti su di lui per il presente, ma soprattutto per il futuro. Il ruolo e le caratteristiche fisiche sono simili a quelle di Paulo Dybala, da cui il classe 2003 avrà l’opportunità di imparare.

Baldanzi e l’ammirazione per Dybala

Quando lunedì sera il quarto uomo ha mostrato la lavagna per chiamare l’ultimo cambio di De Rossi, l’Olimpico si è alzato quasi tutto in piedi. Per omaggiare Dybala, certo, autore di una prestazione sontuosa, ma anche per dare il benvenuto a Baldanzi. E che si siano dati il cambio loro due, con quel fiume di talento racchiuso in quel ‘cinque’ al momento del cambio, forse non è neanche casuale, scrive La Gazzetta dello Sport. Perché il tecnico vede Baldanzi proprio come vice-Dybala e perché forse anche i Friedkin la pensano così, nell’andare a disegnare le strategie future della Roma.

L’ex Empoli da sempre ha proprio in Dybala uno dei propri punti di riferimento. Tanto che prima di arrivare alla Roma, quando gli chiesero di quanto gli somigliasse, un po’ anche schernendosi disse: “Lo ammiro, mi ispiro a lui. Ricopre il mio stesso ruolo, siamo due calciatori con movenze simili. Ma lui è un grande giocatore e in una scala da uno a dieci lui è dieci e io devo ancora entrare nella scala”. Insomma, Baldanzi in questi altri 4 mesi della stagione andrà a scuola da Dybala, per cercare di apprendere il più possibile. “Se quando avevo 7-8 anni mi avessero detto che avrei sostituito lui non ci avrei mai creduto. L’Olimpico è bellissimo, esordirci al posto di Paulo ancora di più”.

De Rossi: “Con loro ho due opzioni”

De Rossi è stato chiaro, anche sulle scelte che lo hanno portato a inserirlo nella lista Uefa. “Il mio criterio è stato quello di avere due opzioni per ruolo e a destra ora con Dybala ho anche Baldanzi”. Erede designato, insomma, anche perché in comune hanno il piede mancino, la fantasia e un certo gusto per la giocata ad effetto. Lunedì, appena entrato, Tommaso ha provato anche a lasciare subito il segno, ma forse è troppo presto per chiedergli di incidere. Ci sarà tempo per trovare spazi e riferimenti. Soprattutto, poi, se davanti ha un fenomeno del livello della Joya. Da cui il classe 2003 imparerà, per prenderne poi il testimone.

Vedi tutti i commenti (1)

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

    Tutti i commenti

  1. Baldanzi un acquisto veramente lungimirante, visto poi le partite che gioca Dybala, può mettersi subito in mostra il talento empolese