ZEMAN NON CAMBIA

31/10/2012 - 7:16

IL TEMPO (A.Serafini) – Non c’è nulla da fare: a Zdenek Zeman non piace cambiare. Come sostiene l’articolo de ‘Il Tempo‘, infatti, la terza sconfitta stagionale (la seconda subita in rimonta all’Olimpico) non scalfisce le convinzioni di un granitico Zeman, pronto a spingere sullo stesso tasto, nonostante le prestazioni e i risultati della sua Roma continuino a mostrare crepe e preoccupanti scricchiolii. «Penso che un allenatore debba avere delle idee e portarle avanti, non mi piace chi non le ha. E poi è inutile dire che questa rosa non è adatta al mio gioco, i giocatori che ho a disposizione sono perfetti per me». Nessuno provi a parlare di prevedibilità giallorossa: «È così prevedibile, che con l’Udinese dopo mezz’ora dovevamo stare 4-0. Probabilmente ci mancano sei punti, ma abbiamo dimostrato di potercela giocare con tutti. Obiettivo terzo posto? Sicuramente sì». Il tecnico boemo si prende le proprie responsabilità: «Anche io ho le mie colpe perchè sono il loro tecnico, ma credo che in queste prime giornate ci siano stati più errori individuali che di squadra. Abbiamo pagato ingenuità in continuità e nella concentrazione». Quando si accenna al possibile ritorno di De Rossi nella posizione di regista, Zeman riaccende le sue più profonde convinzioni: «Magari Bradley è più abituato a giocare mediano. Mi meraviglia che voi siete qua e sapete che De Rossi gioca nella Roma da 10 anni: a me risulta che il regista lo facesse sempre Pizarro». Con la risposta pronta anche a chi gli fa notare che si sbaglia guardando la scorsa stagione con Luis Enrique: «Se è per questo ha fatto anche il centrale di difesa. Daniele ha giocato per 8 anni da intermedio destro, non vedo dove potrebbe avere problemi quest’anno». 

SCOMMETTI SULLA SERIE A, PER TE 50 EURO DI BONUS E TI REGALIAMO IL 100% DELLA TUA PRIMA SCOMMESSA!

Scrivi il primo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*