TU CHIAMALE SE VUOI… (E)MOZIONI. CAMPO TESTACCIO RINASCERA’

29/11/2013 - 10:12

RASSEGNA STAMPA – Ieri mattina, a via della Greca 5, il Consiglio del Primo Municipio ha approvato una mozione per il ripristino e la valorizzazione di Campo Testaccio. È il primo atto politico, il primo atto istituzionale che – la mozione dice questo – riporterà in vita un Campo che è una Culla di Roma, della romanità, dei romani, dei romanisti, di chi ha cuore questa città e la sua storia. Stavolta la politica ha fatto la cosa giusta. Come riporta Il Romanista (T.Cagnucci), ha detto persino le parole giuste. Queste: “Campo Testaccio è un pezzo di cuore di questa città non solo per la storia della squadra di calcio della Roma, non solo perché racconta la storia di un’associazione sportiva, ma perché è parte di una storia più grande, la storia di popolo. E per una volta noi parliamo di storia di un popolo, e non della storia dei potenti, non la storia fatta da notabili. Parliamo di una storia di popolo, parliamo di una storia di ciriole con la mortadella, una storia di tifosi, parliamo della storia della gente di questa città. Oggi noi con questo atto decidiamo di stare da una parte, dalla parte della storia. Che è quella stessa parte che riempie gli stadi, è quella parte che subisce il pregiudizio di quell’altra parte della storia, quella dei potenti, quella storia che si è sempre saputa determinare attraverso i suoi rapporti di potere. Invece noi scegliamo la parte di popolo, quella che va allo stadio e subisce le vessazioni di certe campagna di stampa, di certi pregiudizi, di quella parte che viene giudicata da tanti benpensanti per cui oggi se un ragazzo vuole andare allo stadio la prima preoccupazione dei genitori è il pericolo della sua incolumità. Questo è un problema culturale grave, è una battaglia che noi dobbiamo fare e che la buona politica fa quando decide da che parte stare. Quando decide di stare da quella parte della storia, dalla parte del più debole, dalla parte che subisce sempre questo tipo di pregiudizi. Quello che noi dobbiamo fare oggi è dare un segnale, prendiamo una scelta di parte, noi ci mettiamo da quella parte della storia, noi ci mettiamo dalla parte della nostra città, dalla parte dei romani“.
Sono parole talmente belle che devono restare anonime e non perché altrimenti uno rischia di farla passare per marchetta, perché questa è roba bipartizan (18 voti favorevoli, 2 contrari, un astenuto). E’ successo che ieri la politica s’è messa dalla parte della gente, e persino degli ultrà perché se ieri il Municipio di Roma Centro ha approvato a maggioranza la mozione di “valorizzazione di Campo Testaccio” è perché una domenica di metà novembre, mattina presto, duecento ultrà della Roma sono andati con rastrelli, pale e scope a ripulire un Campo di Gloria ridotto a discarica. Con loro c’era persino Giorgio Rossi, 83 enne. Questo è un atto istituzionale e politico che ha anche un peso simbolico essendo il primo atto dopo quella giornata a Testaccio. Ora la mozione va in Comune, perché il Comune ne ha la competenza. E il Comune ha già anticipato, attraverso il suo Assessorato allo Sport, le proprie intenzioni, che sono quelle sante di far “rivivere Campo Testaccio con o senza parcheggi“. Meglio senza. Nella mozione è accennato esplicitamente alla possibilità di un museo, un consigliere ha parlato della possibilità di farci giocare le giovanili della Roma, quello che conta che tutti, soprattutto l’Assessorato allo Sport, sono d’accordo che Campo Testaccio rinascerà come polo sportivo. Per quello che è. Come Campo Testaccio. Come storia

Scrivi il primo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*